Speciale Vinitaly. Torna a volare il mercato interno delle Cantine Lungarotti

Stand Lungarotti Vinitaly 2015

Stand Lungarotti Vinitaly 2015

Bene l’Europa, giù la Russia. L’azienda di Torgiano (PG) cresce in doppia cifra sul mercato interno e

conferma il trend positivo sulle importanti piazze di Germania (+8%), Danimarca, Giappone e Stati Uniti. –

Verona, 24 marzo 2015 –

Cambia la geografia delle vendite delle Cantine Lungarotti e migliora la performance del vino bandiera dell’azienda: il Rubesco. È la sintesi 2014 dell’azienda di Torgiano (PG) che cresce in doppia cifra sul mercato interno (+10% in valore contro +3,6% del 2013) e conferma il trend positivo sulle importanti piazze di Germania(+8%), Danimarca, Giappone e Stati Uniti. Ma la buona annata è segnata soprattutto dalla performance del Rubesco, che si attesta a circa il 20% delle vendite italiane, sbanca in Danimarca (80% delle vendite Lungarotti) e vola in Francia, con un +35% sull’anno precedente. Bene anche i numeri del Rubesco Riserva Vigna Monticchio che, se da una parte sconta non poco la crisi russa, dall’altra guadagna in 2 mercati chiave: Germania (+8%) e Danimarca (+36%).

“La Russia – ha detto l’amministratore unico, Chiara Lungarotti – era e resta un mercato importante per il nostro vino di punta, perciò speriamo che l’impasse congiunturale possa risolversi in breve tempo. Detto questo, siamo tornati indoppia cifra sul mercato interno e questo è un fondamento importante, raggiunto anche grazie al successo del nuovo progetto territoriale denominato “L’U”, nella versione Rosso a base di Sangiovese e Merlot e in quella di Bianco, ottenuto da uve Vermentino e Chardonnay”.

Complessivamente i vini delle Cantine Giorgio Lungarotti – esportati in 50 Paesi – presentano 28 etichette (2,4mln di bottiglie all’anno) prodotte nei 250 ettari delle tenute di Torgiano e Montefalco. L’azienda è attiva su tutta la filiera del vino e dell’agroalimentare, con produzioni di olio, condimento balsamico e confetture. Particolare impegno del gruppo anche in campo turistico-culturale, con la Fondazione Lungarotti e i suoi Musei dell’Olio e del Vino (definito “il migliore in Italia” dal NY Times), il resort Le Tre Vaselle – un relais di lusso con Spa dedicata alla vinoterapia – e i 12 appartamenti dell’agriturismo Poggio alle vigne. Nel suo complesso il gruppo ha realizzato un fatturato di 11,4 milioni di euro.

(Fonte: Ufficio Stampa Gruppo Lungarotti)

 

 

Torna su