Aceto Balsamico: “nobile” o “ricco”, purché sia di qualità

Per primaIl penultimo appuntamento della rassegna “Educare e Nutrire: dialogo tra sapori e territorio”,

promosso dal Comitato ExpoMore di Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Palatipico e Ufficio Scolastico Provinciale ha avuto come protagonista “l’oro nero” di Modena.

Di Manuela Fiorini – Modena, 8 maggio 2015

E’famoso in tutto il mondo, è il più amato, ma anche il più imitato. L’Aceto Balsamico di Modena è stato il protagonista della tavola rotonda, ospitata nella Sala Leonelli della Camera di Commercio di Modena, lo scorso 7 maggio, nell’ambito del ciclo di incontri “Educare e Nutrire: dialogo tra sapori e territorio” promossi dal Comitato ExpoMore dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, in collaborazione con Palatipico e Ufficio Scolastico provinciale.

E proprio l’oro nero è stato il protagonista di un piacevole viaggio tra gusto, eccellenza, forza del brand, tradizione e legame con il territorio. Proprio per tutelare questo gustoso e prezioso prodotto, quasi 50 anni fa è nata la Consorteria del Balsamico, associazione no profit che, dai 14 soci iniziali, ne conta oggi circa 1000. E, siccome, dietro a un grande prodotto c’è anche una grande storia da tutelare e tramandare, a Spilamberto è sorto anche il Museo del Balsamico. Ospitato in una villa del Settecento, questa curiosa realtà può vantare ben 10.000 visitatori all’anno, provenienti dall’Italia e dall’estero.

“Dietro alla produzione dell’Aceto Balsamico”, ha ricordato Luca Gozzoli, Gran Maestro della Consorteria dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, “c’e la storia delle famiglie e del territorio, che, dalla fermentazione del mosto d’uva, seguendo un rigido disciplinare, spostano in botti sempre diverse l’aceto per sottoporlo al processo di invecchiamento”. Gozzoli ha ricordato poi l’episodio in cui Francesco Aggazzotti, primo sindaco di Formigine dopo l’Unità d’Italia, nel 1862, rispondendo a una lettera in cui gli si chiedeva come si fa a fare il Balsamico, spiegò quei procedimenti che, ancora oggi, fanno parte del disciplinare.

Presente alla tavola rotonda anche Cesare Mezzetti di Acetum, una delle realtà più grandi e significative per quanto riguarda la produzione del Balsamico con la produzione di 10.000 bottiglie all’anno, principalmente di Aceto Balsamico di Modena IGP, di uso quotidiano più comune e apprezzato dal pubblico non specializzato. Una produzione minore, invece, è riservata all’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, fedele alla produzione tradizionale, con quotazioni che possono raggiungere cifre ragguardevoli e che hanno fatto di questo prodotto un vero e proprio brand, che ha portato il nome di Modena in tutto il mondo.

Mauro Battaglia, moderatore dell’evento, ha sottolineato quanto l’Aceto Balsamico sia uno dei prodotti più imitati al mondo, persino nella forma della bottiglietta, che mira a trarre in inganno il consumatore.

L’incontro, al quale hanno partecipato numerosi gli studenti dell’Istituto L.Spallanzani di Castelfranco Emilia, si è concluso, naturalmente, con una degustazione di Aceto Balsamico DOP di Modena.

Il prossimo e ultimo appuntamento con il ciclo di incontri Educare e nutrire è previsto per il 14 maggio, dalle ore 15, presso la Fondazione Marco Biagi, il Largo Marco Biagi 10, a Modena e avrà come tema “La Carne, primo alimento dell’uomo?”

in pagina

(foto di Claudio Vincenzi)

Torna su