Mercati internazionali. Il “tonfo” dei mercati.

Cereali spiga2

Primi segnali evidenti di cedimento per il mercato delle materie prime. La soia è il prodotto che ha maggiormente sofferto di questa fase di flessione negativa.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 13 maggio 2015 –

Da diverse settimane gli analisti si interrogavano circa l’andamento instabile dei mercati delle materie prime non riconoscendo nei valori le attese a fronte dell’analisi dei dati USDA pubblicati lo scorso aprile che, val la pena di ricordare, erano ottimistici.

A scontare maggiormente la situazione è stato il comparto della soia e in particolar modo il seme che ha ceduto tra 16 e 18 punti (centesimi per bushel), seguito dalla farina (tra  -6 e -10 dollari per tonnellata corta).

Solo qualche centesimo è stato perduto dal corn mentre il grano ha addirittura recuperato 3 centesimi.

Indicatori internazionali (13/5/2015)-

l’Indice dei noli è risalito (si fa per dire) a 589 punti, il petrolio quota ancora intorno a circa 61,50 dollari al barile, e il cambio €/$ si è ancora, seppure lievemente, alzato 1,1270.

Mercato interno –

Nessuna novità di rilievo sul fronte degli scambi interni fatto salvo il mercato dei future della farina di soia che si sono ancora ridotti e perciò appetibili per il consumo.

Farina soya proteica è caricabile con 360 euro a Ravenna, giugno-settembre a 355, il luglio dicembre ancora a 355 e per il 2016 il prezzo si riduce a 350 euro sempre partenza Ravenna. Valori che, a nostro giudizio, sono da considerarsi appetibili.

Considerazioni generali

I consumi interni stentano a decollare confermando la gravità dell’economia nazionale.  A ciò si aggiunga che segnali poco incoraggianti provengono anche dall’area euro e dagli Stati Uniti mentre, almeno per ora, il mercato del sud est asiatico non sembra mostrare cedimenti.

La pesantezza del mercato nazionale è perfettamente descritta dai  mercuriali delle borse merci che da due settimane rendono la cosa manifesta e palese. A parte infatti la situazione di congiuntura di alcuni prodotti quali la farina di girasole normale e proteica, la farina di colza, e i distiller di grano, i cruscami di frumento e di riso tutto il resto è in marcata flessione negativa. Non si sottrae da questa fase negativa nemmeno il mais che si è notevolmente appesantito sia sul pronto che sul medio termine mentre sulla nuova campagna, pur essendo sceso dai massimi, mantiene la quota di 170 euro al porto di Ravenna da Novembre a Marzo. Il mercato del settore bionergetico sta approfittando ancora della presenza di mais tossinato, ma comunque il settore sta risentendo della mancanza di cruscami,  farinette e spezzati mais.

MP_13mag15
Mario Boggini
– esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – mail@europroitalia.com) –
Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli
– L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

EUROPRO srl – intermediazione granaglie e cereali – Milano

________________________________________________

Andalini Pasta dal 1936

Andalini_pasta

Torna su