Dalle quote latte alle quote migranti

Isola_lampedusa_barca_vendita_cibusE’ sempre più evidente lo stato confusionale in cui versa quest’Europa senza leader e orfana di strategia e coerenza.

L’Inghilterra sarebbe pronta a uscire da un’UE alla quale non ha mai completamente aderito e la questione dell’immigrazione sta tormentando tutti anche se non sembra che la si voglia affrontare con la dovuta serietà.
Che l’Europa si desti!

di Lamberto Colla – Parma, 31 maggio 2015 –
La risposta dell’UE ai problemi di surplus è sempre una sola: Quote.

Anche dopo l’unione monetaria e l’apertura delle frontiere interne sembra di essere ancora fermi agli anni ’70 e ’80 quando la “Comunità” emanava direttive prima e regolamenti poi che i paesi aderenti traducevano in norme nazionali. Anzi era addirittura meglio prima perché almeno le sovranità nazionali erano rispettate e i provvedimenti europei erano frutto di concrete negoziazioni tra Stati.

L’Unione Europea, che ha cominciato a delinearsi con il nuovo millennio, avrebbe dovuto maturare verso una forma di Stato Federale quindi con strategie di politica estera ben delineate e una strategia di difesa, anche militare, dei confini chiara e soprattutto codificata.

E invece eccoci qui a sentire argomentare solo su questioni di finanza mentre, quando l’interesse è politico, allora le diplomazie più forti scavalcano le autorità competenti della UE e si autoproclamano ambasciatori per tutti (si veda il caso della crisi Ucraina e la trasferta franco-tedesca in terra russa nemmeno assistita dalla rappresentanza UE)

L’Immigrazione non è un fenomeno che riguardi UE?
La questione della immigrazione e in particolare quella da Sud sta letteralmente lacerando quest’Europa alla pari delle questioni finanziarie.
Anche in questo caso, l’Unione Europea, sta affrontando un problema politico con risposte e soluzioni dall’amaro sapore burocratico senza peraltro nemmeno porsi la questione della gestione politica del fenomeno ovvero affrontare l’emergenza umanitaria e come contrastare il rischio di infiltrazioni terroristiche.

Nulla di tutto ciò! La questione dell’inarrestabile spinta migratoria viene affrontata alla pari del surplus di latte: l’adozione di quote migratorie.

Le quote, una soluzione per ogni problema.
Liberati da appena due mesi del trentennale problema delle quote latte ecco che ci si ritrova invischiati nelle quote migratorie. Una soluzione assurda per fronteggiare un problema umanitario e di sicurezza di portata enorme.
Ma non c’è più da meravigliarsi. L’Europa è in mano a cinici quanto incompetenti capi di governo e di ottusi burocrati. Pronti a schiacciare il grilletto (vedi Francia e Inghilterra nel caso della Libia) per interessi strategici nazionali senza preoccuparsi delle conseguenze per poi ritirarsi dal pagamento del danno cagionato.

Già perché, vale la pena di ricordare, gran parte dei flussi migratori dal Sud sono il risultato di quella operazione anti Gheddafi voluta fortemente dalla Francia pur di impadronirsi dei ricchi contratti petroliferi sino ad allora in mano ai suoi alleati italiani.
Noi italiani ci meritiamo le conseguenze per non avere tirato fuori i “cosiddetti” ponendo il veto all’operazione militare ma ora, a uova strapazzate, meglio convincere la Francia a pagare dazio invece di voltare le spalle opponendosi alle quote migratorie.
Cari Hollande e Cameron, i cocci sono anche vostri.

Invece Inghilterra e Francia in primis seguiti a ruota da Spagna, Polonia e molti altri, avrebbero già annunciato la decisione di non accaparrarsi quote di migranti in contrasto evidente agli accordi europei e alle motivazioni etiche che sottendono alla costituzione dell’UE.

Addirittura l’Inghilterra presto proporrà il referendum per scegliere di proseguire o meno l’avventura UE. Proprio loro che ancora non hanno adottato l’euro e nemmeno la misura metrico decimale, passi per la guida sinistra che possiamo considerare come fattore folkloristico quanto i loro taxi e i double-decker bus.

Una politica comune d’immigrazione. La cosa strane è che esiste!
D’altronde ormai sappiamo bene come l’Europa sia brava a sottoscrivere programmi bellissimi che, alla luce dei fatti, risultano solo demagogia spinta.
Infatti, quanto scritto nei sacri testi UE per Una politica d’immigrazione comune per l’Europa (leggi il summary del 2008), è stato immediatamente smentito alla prima reale e concreta occasione di mettere in pratica i 10 comandamenti sull’immigrazione: “La politica comune di immigrazione europea, descrive il documento, deve fornire un contesto flessibile che prenda in considerazione le singole situazioni dei paesi dell’Unione europea (UE) e deve essere attuata in collaborazione tra i paesi e le istituzioni dell’Unione Europea (UE). La presente comunicazione prevede 10 principi su cui fondare una politica comune e illustra le azioni necessarie per la loro attuazione. Tali principi mirano a garantire che l’immigrazione legale contribuisca allo sviluppo socio-economico dell’UE, che le azioni dei paesi dell’UE siano coordinate tra loro, che si rafforzi ulteriormente la cooperazione con i paesi che non fanno parte dell’UE e che l’immigrazione illegale e la tratta di persone siano combattute efficacemente.”

Una domanda sorge spontanea: rispetto a quanto sta accadendo in questi giorni sembra che l’UE si stia muovendo secondo i principi che essa stessa ha deciso, accettato e sottoscritto?
Forse nel 2008 gli estensori del documento non pensavano sarebbe potuto accadere quanto successo e che la “primavera araba”, tanto acclamata dall’occidente, potesse trasformarsi in un boomerang dalle conseguenze difficilmente prevedibili. Tutto può accadere perché tutto è fuori controllo, fatti salvi i conti della Grecia e degli altri Paesi raggruppati nel “simpatico” acronimo PIGS (Portogallo, Italia, Grecia e Spagna)

E in questo delicato momento storico le cancellerie dei vari paesi Ue discutono sulle quote si o quote no?
Il pericolo è in mezzo a noi, e non mi sto riferendo ai terroristi dell’ISIS ma alle teste bacate che stanno governando l’UE e gli stati membri in questo infuocato periodo che tanto ripropone le tensioni che anticiparono la prima guerra mondiale di cui ricorse il centenario la scorsa domenica.

La visione lungimirante dei padri dell’Unione è ormai cosa sepolta da molto, anzi troppo tempo.
Peccato perché insieme potevamo essere la prima potenza economica mondiale invece siamo diventati lo zimbello globale e la terra di conquista di tutti, alleati USA compresi.
Procedendo di questo passo ne vedremo delle belle e la Disunione Europea prenderà il posto dell’Unione Europea con buona pace di USA e Russia che torneranno a dividersi il mondo.

Sarebbe anche ora che l’Europa, e non solo l’Italia, si desti!

Isola di Lampedusa - vista dal mare

Isola di Lampedusa – vista dal mare

Torna su