Cereali in balia dei fattori internazionali tra crisi Greca, Cina e le tensioni sul fronte russo.

Trebbiatura_primo_piano_cibusMercati internazionali privi di una direzione precisa e dati qualitativi positivi provenienti dalle prime trebbiature nazionali del frumento duro.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 17 giugno 2015 –

Il fronte internazionale non esprime ancora delle precise tendenze e rimane, al momento, ancorato ai valori della scorsa settimana. I fondi non stanno operando delle speculazioni degne di nota. Le informazioni sui raccolti sono positive ma sta girando la notizia secondo cui la Cina sarebbe intenzionata a smaltire gli eccessi di Corn con conseguenti palesi riflessi sulle importazioni dei cereali e dei derivavi.

Nel vecchio continente il fattore di maggiore preoccupazione risiede, come risulta evidente, nella riaccensione della crisi Greca e lo spauracchio di un suo default. Una condizione che, a detta dello stesso Mario Draghi, aprirebbe scenari sconosciuti quindi incontrollabili i cui effetti a cascata potrebbero essere particolarmente dolorosi per le economie più deboli. Un problema non solo nazionale, greco e dei PIGS in generale ma anche di altre nazioni e tra queste la Francia nonostante il suo tentativo di rafforzamento dell’asse politico con la Germania.

Indicatori internazionali 16/6/2015-

l’Indice dei noli è risalito a 656, il petrolio non si discosta molto dalle ultime quotazioni (60,76 dollari al barile) e il cambio €/$ prosegue il suo stato di estrema volatilità condizionato come è dalla ripresa della crisi Greca (1,1258).

MP_16giu2015

Mercato Interno –

Scambi ai minimi per un mercato interno sempre più inchiodato. La nuova campagna del frumento duro, con le operazioni di trebbiatura ormai avviate sia in Sicilia che nel Foggiano, parte con prezzi incoraggianti per gli agricoltori, grazie alla buona qualità del raccolto.

Lo rende noto l’Ismea nell’Overview di questa settimana, rilevando, sulla piazza pugliese, valori d’esordio superiori all’anno scorso e al di sopra dei 300 euro/tonnellata per la categoria fino. Le prime quotazioni dell’orzo invece sono state inferiori a quelle di un anno fa. In attesa dei primi riscontri sul frumento tenero, nel complesso, secondo l’osservatorio di Ismea, le condizioni delle colture cerealicole appaiono in generale migliori rispetto alla scorsa campagna.

_____________________________________________________________________

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – mail@europroitalia.com) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore. Si prega di non inoltrare ad altri tale informativa se non previo accordo con lo scrivente.

EUROPRO srl – granaglie e cereali – Milano

logo andalini

Torna su