Pomodoro, firmato protocollo  d’intesa tra “Nord” e “Sud”.

01 OI POMODORO DA INDUSTRIA DEL NORD ITALIA Firma protocollo Nord Sud_cibus

Un accordo tra Nord e Sud per valorizzare il “pomodoro made in Italy”

Milano 17 giugno 2015 – Firmato un protocollo d’intesa tra Organizzazione Interprofessionale del Pomodoro da Industria del Nord Italia e Polo distrettuale del Pomodoro da Industria del Centro Sud per programmare lo scambio di dati e informazioni relative all’attività delle due filiere in modo da valorizzare il Made in Italy.

La firma è avvenuta – ad Expo durante la Settimana mondiale del pomodoro – alla presenza del ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina e dell’onorevole Paola De Micheli.

<Con la firma del protocollo – spiega il presidente dell’Oi Pomodoro da Industria del Nord Italia Pier Luigi Ferrari – si esprime la volontà di collaborare per arrivare, una volta definiti i termini dell’intesa, allo scambio di dati e informazioni tra le due filiere. Abbiamo bisogno di rappresentare sempre di più, e meglio, il Made in Italy. Lavorare insieme, non perdendo le peculiarità che ci contraddistinguono, è fondamentale per il nostro Paese e la nostra economia>. Soddisfazione anche da parte del distretto del Sud: <dobbiamo unificare l’immagine promozionale – ha dichiarato il presidente del Sud Annibale Pancrazio -. Il settore del pomodoro è il rosso del tricolore del Made in Italy agroalimentare>. A complimentarsi per l’accordo il ministro Martina. <La firma di oggi – le parole di Martina – va nella direzione di stringere alleanze per accelerare attività di collaborazione e partnership strategiche. Oggi i due distretti produttivi, del Nord e del Sud, lanciano un bel messaggio che va oltre gli addetti ai lavori. Alle due filiere dico di continuare così>.

I contenuti dell’accordo

Come riporta il protocollo le parti si impegnano a definire le modalità di scambio dei dati sulle superfici destinate alla coltivazione del pomodoro da industria, sulle quantità contrattate, sulle quantità consegnate alle imprese di trasformazione e sulle quantità di prodotti ottenuti nella relativa area di competenza. Le informazioni verranno trasmesse in forma aggregata per distretto produttivo e saranno utilizzate per l’elaborazione dei dati nazionali di comparto da veicolare a soggetti esterni.

Saranno inoltre predisposte azioni condivise di comunicazione istituzionale esterna dei dati, in particolare verso gli Organismi Internazionali di rappresentanza (Oeit, Amitom, Wptc).

Per raggiungere questi due obiettivi Oi Nord e polo distrettuale del Sud costituiranno un gruppo di lavoro per arrivare a redigere una bozza di regolamento attuativo del protocollo che sarà sottoposto alla successiva approvazione da parte degli organi statutari di ciascuna delle parti.

<L’Oi del Pomodoro da Industria del Nord Italia – ha aggiunto il presidente del Nord Pier Luigi Ferrari – da anni effettua per i propri soci la raccolta puntuale di informazioni sulle superfici destinate alla coltivazione del pomodoro da industria, sulle quantità contrattate, sulle quantità consegnate alle imprese di trasformazione e sulle quantità di prodotti ottenuti e canali di vendita. Con la firma del protocollo, una volta definitivi le modalità e i tempi, riteniamo utile fornire all’esterno un dato unico nazionale sulle quantità trasformate e sulle produzioni del comparto della trasformazione del pomodoro da industria, anche per contrastare eventuali azioni tendenti a dare un’immagine distorta delle produzioni della filiera>.

 

02 OI POMODORO DA INDUSTRIA DEL NORD ITALIA Firma protocolloo Nord Sud_cibus FIRMA DELL’ACCORDO: Presenti il ministro Martina, il presidente dell’Oi Pier Luigi Ferrari, il presidente del Distretto del Sud Annibale Pancrazio e l’onorevole Paola De Micheli.

 

 

Torna su