Mercati deboli ma prezzi ancora sostenuti

Mais_pannocchia_rid_cibus

Prosegue il periodo di incertezza e, nonostante sussistano le condizioni per una riduzione dei prezzi, si sono registrati nuovi aumenti. 

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 22 luglio 2015 –

Tra venerdi e lunedi si erano manifestati alcuni segnali tendenti un probabile calo dei prezzi nonostante i fondi non avessero ancora avviato importanti operazioni di vendita a seguito soprattutto della notizia, diffusa da Bloomberg, di un calo di attrattività dei mercati finanziari delle commodities a favore del dollaro.

Nel quadro generale è comunque sintomatico l’andamento dell’oro e in particolare l’episodio che, in questo avvio di settimana, avrebbe, secondo le ricostruzioni di stampa circolate, innescato lo scivolone ai minimi da 5 anni a questa parte.

Un maxi ordine di vendita del prezioso metallo, partito all’apertura della borsa di Shanghai, ha infatti spinto la quotazione al di sotto della soglia psicologica dei 1.100 €/oncia (1.080 €/oncia).

Ciononostante nella giornata di ieri (21 luglio) si è ancora assistito a quotazioni in rialzo riportando in avanti nel tempo il momento del calo, atteso da tempo da parte degli operatori, dei prezzi delle materie prime agricole.

Indicatori internazioMP_21lug15nali 21/7/2015-

l’Indice dei noli è risalito a 1067, il petrolio è sceso 50,00 dollari al barile e il cambio €/$ si aggira intorno a 1,08291.


I timori sono prevalentemente connessi alla difficoltà di irrigazione del prodotto ormai manifestatesi nelle ultime due settimane, a macchia di leopardo, in Lombardia, Veneto e Emilia Romagna ma anche in alcune regioni dell’Est Europa.Sul mercato interno le preoccupazioni maggiori, al momento, riguardano il mais causa il perdurare della bolla di calore che staziona sulla penisola e su buona parte del continente.

Una situazione che, come è ovvio, sta influenzando anche il mercato dei prodotti bioenergetici.

Nel circuito dei frumenti, come confermato anche dalle rilevazioni di Ismea e riportate nel settimanale Overview sui mercati agroalimentari, sulla scia delle flessioni della scorsa settimana, le quotazioni del duro potrebbero registrare ulteriori lievi ribassi, dopo un inizio di campagna caratterizzato da una dinamica rialzista dei prezzi. Situazione analoga sul mercato del grano tenero, dove tuttavia la tendenza flessiva dovrebbe rivelarsi più attenuata. Nello scenario mondiale, le ultime notizie provenienti dal Nord America sembrano indicare un rientro dell’allarme siccità paventato nelle scorse settimane. Per il granturco e l’orzo, invece, la dinamica dei prezzi potrebbe confermarsi ancora positiva.

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) –  Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Officina Commerciale Commodities srl  – Milano

Torna su