Vini comuni, sempre più forte la leva del prezzo

Uva_nera_grappolo_cibusVino: Calo a due cifre per i vini comuni nella campagna 2014/15

 

Parma, 28 luglio 2015 –

Ismea ha analizzato l’andamento dei prezzi dei vini comuni, durante la campagna che si sta concludendo (2014-15), mettendo a confronto l’Italia con il suo più diretto competitor, la Spagna.

Dall’indagine emerge, per entrambi i Paesi, una perdita dei listini a due cifre.

Lo scenario che si delinea è quello di una forte competitività dei vini spagnoli esitati tradizionalmente a prezzi nettamente più bassi di quelli italiani e con ribassi a due cifre sia per i bianchi che per i rossi. E lo stesso è successo nel mercato dei vini  comuni  italiani.

In entrambi i Paesi, infatti i bianchi sono crollati del 30%, mentre la flessione nel segmento dei rossi si è arrestata al -12%. Del resto si è notato per tutta la campagna che il mercato del colore era attraversato da una domanda non particolarmente disposta a cedere sul prezzo, ma sicuramente più vivace rispetto a quello dei bianchi e questo sia in Spagna che in Italia.

La partita tra Italia e Spagna si gioca chiaramente sul fronte dei prezzi all’export.

Vino_prezzi_medi_ITA_SPAGNA

Le dinamiche degli ultimi anni dimostrano come la Spagna sia divenuta sempre più competitiva sul fronte dei prezzi diventando l’indiscusso leader internazionale nell’export di sfuso.

Confrontando i vari segmenti, inoltre, si evidenzia come, secondo l’indice Ismea dei prezzi alla produzione, i vini comuni siano più esposti a variazioni anche molto significative, come in un effetto montagne russe. Invece, man mano che ci si sposta verso i vini a denominazione questa variabilità è inferiore, proprio a dimostrazione del fatto che i mercati meno soggetti all’effetto sostituzione appaiono più stabili sul fronte dei prezzi.

Nelle ultime due campagne, peraltro, a fronte di cali pesanti nel segmento dei vini comuni, i vini a denominazione di origine hanno segnato un incremento seppur lieve.

(Fonte Ismea Servizi)

 

Torna su