Ancora discredito sulla pasta Barilla

Stabilimento Barilla Pedrignano di Parma

Stabilimento Barilla Pedrignano di Parma

Bufale trite  e ritrite e già sbufalate dal 2012 che, come il singhiozzo, tornano ciclicamente alla ribalta per gettare nubi oscure sulla Barilla. Questa volta il lancio parte dal profilo facebook Azione di Popolo del 18 agosto scorso e sta diffondendosi in questi giorni.

di Lamberto Colla Parma 26 agosto 2015 – –

A chi giova? E’ la domanda che occorre porsi quando l’accanimento mediatico, convenzionale o social, contro quella o quell’altra azienda si scatena senza alcuna apparente motivazione. Certamente non al buon nome conquistato da Barilla sin dal 1910 quando divenne una vera a propria industria (anno di fondazione 1877), non ai lavoratori fieri di servire un marchio forte e nostrano, tantomeno ai consumatori che sulla qualità e sicurezza alimentare fondano buona parte della decisione d’acquisto.

Abbiamo levato gli scudi in difesa della Ferrero quando, nel giugno scorso, venne tirata in ballo addirittura dalla Ministra per l’Ecologia Francese, ex moglie dell’attuale Presidente, Ségolène Royal, che invitava a non mangiare la “Nutella” perché a suo dire «Contiene l’olio di palma che è corresponsabile della deforestazione». In quell’occasione persino l’insospettabile Greenpeace intervenne a difesa della multinazionale italiana dichiarando che “Ferrero, il produttore della Nutella, è uno dei gruppi più all’avanguardia in termini di sostenibilità per quanto riguarda l’approvvigionamento di olio di palma“.  Scuse presentate dalla Ministra Francese e nell’arco di 5 giorni l’incidente si chiuse e il consumatore si poté tranquillizzare. 

Diverso invece il caso di Barilla che, ormai da diversi anni entra nel tritacarne delle bufale via social in grado di diffondersi pericolosamente come un virus andando a infettare le convinzioni dei consumatori.

Il contenuto, con qualche variante, è sempre lo stesso e fa leva su due elementi emozionalmente coinvolgenti: la proprietà non più italiana e, quel che è peggio, la pericolosità dei prodotti per inquinamento da micotessine e OGM. Elementi questi ben conditi da incomplete e fuorvianti informazioni di natura tecnica e falsamente firmate da una ipotetica docente universitaria piemontese, la quale poi ha smentito e controfirmato un comunicato congiunto con Barilla.

Il piatto è pronto per i boccaloni del web pronti a bersi ogni cosa, ancor più se ben romanzata,  impazienti di viralizzarla fieri di avere fatto una “scoperta omessa” dai grandi media convenzionali (quotidiani e TV).

La questione era già stata “sbufalata” nel 2012 e poi ancora una volta nel 2014  ma ora torna a galla nella medesima forma e con analoghi contenuti.

Post_viralizzato2

Non mi dilungherò a illustrare la sequenza di errori e di falsità contenuti nel post che potrete invece, e lo consiglio vivamente, appComunicato-congiunto-barilla-icardi_20121116rendere collegandovi al sito di “Bufale un tanto al chilo” ma portando la mia diretta testimonianza sulla serietà e attenzione alla sicurezza alimentare di “Barilla”.

Premetto che non ho interessi personali seppure, come è ovvio essendo parmigiano, abbia diversi amici che lavorano per l’azienda ma, avendo lavorato ai vertici di una grande impresa che cedeva il grano duro dei propri associati alla Barilla, ho potuto verificare di persona la struttura e l’impostazione tecnica atta a garantire la qualità e la sicurezza delle materie prime in entrata e dei prodotti finiti in uscita.

Sistemi tecnici all’avanguardia, procedure rigorose e alto tasso di professionalità degli operatori addetti al complesso processo di lavorazione rappresentano la vera garanzia per i consumatori.

Credo che la leadership Barilla l’abbia conquistata non solo per le sue memorabili campagne pubblicitarie ma soprattutto per la qualità dei prodotti.

La pasta può piacere o non piacere, ma questo non è un buon motivo per infangare un’impresa e mettere a rischio migliaia di lavoratrici e lavoratori fieri e fedeli di appartenere a un Gruppo importante, guidato da una famiglia che, a partire dal compianto Pietro, ha sempre tenuto al centro delle proprie attenzioni i propri dipendenti, ovvero il capitale umano indispensabile per ottenere il successo.

Ragioni queste che valgono per Barilla e per tutte le altre imprese e che dovrebbero essere prese in considerazione da tutti gli internauti prima di schiacciare il tasto “condividi” diventando di fatto complici di una campagna denigratoria.

Non tutto quello che è presente su WEB è vero. Basterebbe spendere qualche minuto in più, proseguire nella navigazione, acquisire altre informazioni e forse ci si potrà avvicinare alla verità spesso frantumata in tanti e celati anfratti dell’immenso e democratico mondo del web.

Torna su