Rischio maltempo

nuvole_pericolose_rosse (1)I repentini cambiamenti climatici potrebbero compromettere i prossimi raccolti. Maggiori preoccupazioni interessano le vendemmie di fine settembre e ottobre e la raccolta del mais già sofferente per la siccità e posto sotto stretta osservazione per i rischi sanitari da Aflatossine.


di Virgilio, Parma 05 settembre 2015

I cambiamenti climatici in atto in questi ultimi decenni, prevalentemente determinati dalla mano dell’uomo, si stanno manifestando con improvvisi e violenti temporali che le cronache hanno etichettato come “Bombe d’Acqua”. fenomeni sempre più frequenti dai quali, molto probabilmente, dovremo attenderci

L’estate che sta lentamente scemando ha fatto registrare sensibili innalzamenti delle temperature medie da giugno a agosto.

L’arrivo del maltempo con temporali e grandine arriva dopo che il mese di agosto ha fatto segnare una temperatura minima superiore di 2,3 gradi alla media, ma particolarmente caldo sono stati anche luglio (+3,9 gradi) e giugno (+2,2 gradi). E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti su dati Ucea nel commentare l’arrivo del maltempo nelle campagne dove sono in corso la vendemmia e le operazioni di raccolta delle coltivazioni, dalla soia al mais.

Se la pioggia interrompe le operazioni, la grandine – sottolinea la Coldiretti – è la piu’ temuta in questo periodo per i danni irreversibili che provoca ai grappoli sui quali si sviluppano patologie, ma a preoccupare gli agricoltori sono anche i rischi per la frutta di stagione ancora da raccogliere.

Rischi quindi ancora per le operazioni agricole di settembre e ottobre con la raccolta delle grandi uve rosse autoctone Sangiovese, Montepulciano, Nebbiolo che si concluderanno addirittura a novembre con le uve di Aglianico, Nebbiolo e Nerello.

 

Torna su