Danni da maltempo a Reggio Emilia

RE_Grandine_sorbolo_levanteMaltempo e grandine nella Bassa e nella fascia rivierasca del Po: si segnalano danni a colture e strutture agricole

Reggio Emilia, 5 settembre 2015

La Cia di Reggio Emilia ha già ricevuto delle segnalazioni che riguardano in particolare i vigneti – Colpite anche le strutture presenti a Boretto per il River’s Food Festival

 In un’annata senza pace per l’agricoltura della Bassa reggiana, in alcune zone martoriata dapprima dalla nevicata, quindi da una bomba d’acqua, mancava giusto la grandine: ora però è arrivata anche questa, in un breve ma molto violento episodio di maltempo verificatosi a metà pomeriggio di oggi, quando il cielo si è fatto di piombo e si è levato un forte vento. Quindi è arrivata la pioggia, quasi subito accompagnata da un misto di grandine, presto diventata prevalente e con chicchi di notevoli dimensioni, tanto che il terreno si è velocemente imbiancato come per una nevicata.

    La grandine per l’agricoltura è una delle peggiori maledizioni, perché dove colpisce spesso semplicemente distrugge le colture e le strutture agricole che trova sul proprio percorso. Anche in questo caso è così, lo segnala la Cia di Reggio Emilia che ha già ricevuto telefonate e messaggi da parte di propri associati. In particolare dai territori dei comuni della fascia rivierasca sul Po, che sembrano, in base a queste prime e parziali notizie, quelli più colpiti da questo episodio di maltempo, che ha colpito però anche Novellara, Campagnola, Reggiolo e Fabbrico, ci sono danni gravi, anche se in fasce limitate di territorio, come sempre quando grandina.

    Particolarmente colpiti i vigneti – segnala la Cia reggiana – proprio nel momento in cui si avvia la vendemmia e quindi le piante sono cariche di chicchi maturi. Le aziende che ci hanno comunicato di essere state colpite – aggiunge la Cia – segnalano la distruzione pressoché completa del potenziale raccolto. Oltre all’uva, risultano colpite e stese dall’azione congiunta del vento e della grandine, campi di mais ancora da raccogliere.

    Da segnalare anche – afferma la Cia – danni gravi al Lido Po di Boretto dove era in corso di svolgimento il River’s Food Festival; qui erano presenti come espositori parecchi agricoltori: molti di essi hanno registrato danni alle strutture come stand e relative attrezzature, oltre ai prodotti che avevano portato per l’occasione.

    “Una panoramica più completa – conclude il presidente della Cia di Reggio Emilia Antenore Cervi – sarà possibile solo nei prossimi giorni”.

 Nuovole_prima_temporale

(Fonte CIA Reggio Emilia)

Torna su