IMU e Irap, i costi del loro funerale.

Alluvione Modenese

Alluvione Modenese

Dalla terra promessa alla terra dei fuochi. Quello che il Governo con una mano regala con l’altra toglie con gli interessi. L’assessore all’agricoltura della Lombardia, Gianni Fava, fa i conti e se si confermasse l’ipotesi sarebbe un bilancio in forte perdita per gli agricoltori.

di Virgilio – Parma, 25 settembre 2015 –

C’era entusiasmo alle stelle quando il Presidente del Consiglio, all’interno dell’arena “Coldiretti” allestita a Expo 2015, lanciava l’ennesima promessa di tagli e agevolazioni.

Una ventata di ottimismo contagiosa che subito ha rimbalzato su milioni di tubi catodici.

Le perplessità sulla fattibilità di una operazione di tale portata le avevamo espresse in più occasioni e i primi sospetti che “qui gatta ci cova” erano venuti durante l’intervista del premier a “Porta a Porta” quando si lasciò sfuggire che ai comuni sarebbero andate le risorse di copertura alle imposte alienate.

Certamente la nuova boutade di Renzi  gli ha fatto risalire la china della popolarità ma che ora mette sotto la lente di ingrandimento ogni piccola operazione o tentativo di recuperare i regali tanto sbandierati.

A opporre un attacco frontale con tanto di numeri ci ha pensato l’Assessore Regionale All’agricoltura della Lombarda, Gianni Fava, il quale, senza peli sulla lingua, dichiara che “Il taglio a Imu e Irap in agricoltura, annunciato da Renzi e Martina, é una fregatura colossale, che, per dare un beneficio agli agricoltori di 460 milioni di euro,

toglie al comparto un miliardo e 20 milioni”. L’Assessore sembra essere ben informato tant’è che entra nel dettaglio di quelli che potrebbero essere i le voci coinvolte in questa operazione di rastrellamento compensativo e qualcosa in più.

“In base alle dichiarazioni – prosegue l’Assessore lombardo – del ministro Martina delle scorse settimane, il gettito Imu in agricoltura è di 260 milioni, mentre l’Irap ammonta a 200 milioni – ricorda Fava -. Ma, anche

ammesso e non concesso di azzerare le due poste con questa norma, la copertura va fatta in altro modo e, dalle schede che girano informalmente, la penalizzazione ammonta a un miliardo.

Viene infatti azzerata l’agevolazione sul gasolio agricolo, che da sola vale 700 milioni, viene ammortizzato il vantaggio sull’imposta di registro, vengono cioè portate le transazioni di registro dall’1 per cento a 9 per cento, che vale, secondo le stime del Tesoro, 100 milioni di euro.

In più viene eliminato il vantaggio della forfettizzazione alle aziende che fatturano più di 2 milioni di euro e questa operazione vale, secondo i calcoli che circolano informalmente, 220 milioni di euro.

In totale fa 1 miliardo e 20 milioni, alla faccia del saldo invariato”.

In pratica, secondo l’assessore Fava, “si tratta di una presa in giro galattica e mi stupisce che il mondo agricolo abbia applaudito in modo entusiastico; temo che qualcuno non glielo abbia spiegato bene”.

“Mi preoccupa il silenzio delle organizzazioni sindacali – ammette Fava -, soprattutto perché l’annunciato decreto colpisce gravemente l’agricoltura del Nord. Oltre il 50 per cento del

gettito arriverà dal sistema agricolo della Lombardia, ma, nondimeno, a farne le spese saranno gli agricoltori del Centro e del Sud, perchè il taglio del gasolio agricolo colpirà l’ortofrutta in primis e le produzioni di cereali”.

In attesa di riscontro varrebbe la pena che le Organizzazioni Agricole si mobilitassero per verificare, approfondire e soprattutto prevenire ogni fattore di rischio di recitare il definitivo de profundis dell’agricoltura nazionale.

Torna su