Das(h) Auto

Volkswagen_Dash_Auto (1)Tedeschi rivisti e (s)corretti. Prima o poi la corda si strappa. Il caso Volkswagen per quanto importante sia è solo la punta di un iceberg del (mal)costume tedesco. Essere i primi a tutti i costi e pure irriconoscenti.

di Lamberto Colla – Parma, 27 settembre 2015 –
Bravi a tenere nascoste le loro magagne, spocchiosi e presuntuosi pensando che nessuno avrebbe potuto dire o fare qualcosa. Pronti a fare le pulci a tutti ma a alzare barriere insormontabili quando sono loro a essere posti sotto osservazione.

Intendiamoci, quello che è accaduto alla Volkswagen non è che un campanello di allarme che sta a indicare come il grande mercato Statunitense non sarà ceduto all’europa tanto facilmente e l’accordo transatlantico (TTIP o TAFTA Transatlantic Trade and Investment o Transatlantic Free Trade Area) dovrà muoversi secondo le linee proposte dagli USA e dalle sue potenti lobbies. Colpire uno per colpire tutti.

Quindi prepariamoci ai rigurgiti di questa vicenda i cui effetti negativi ricadranno su tutta l’economia europea o per effetto diretto, in quanto gran parte della componentistica dell’industria automobilistica tedesca viene prodotta in Italia, sia per effetto indiretto o traslato per le ripercussioni che avrà nella conclusione degli accordi di libero scambio transatlantico che Obama vorrebbe incassare prima della fine del suo mandato e tra i quali gli OGM sono una parte, non la sola, in contenzioso.

Tornando sul settore automobilistico, se la Volkswagen l’ha combinata bella grossa, introducendo un software di frode in grado di accorgersi del test di analisi dei parametri di emissione dei gas,  tutte le altre case automobilistiche sicuramente qualche manomissione dei dati non possono non averla realizzata.

Non si comprenderebbe altrimenti come certi veicoli di elevatissima potenza possano dichiarare consumi degni di una utilitaria.

Ma quello che è accaduto altro non è che la rappresentazione del sistema Germania: una solidale complicità tra imprese, governo e sindacati.

Ricordiamo che nei board delle imprese un posto è sempre a disposizione dei sindacati e una frode di queste proporzioni non poteva non essere nota a molti; dagli operai ai consiglieri di amministrazione e quindi al Governo.

Governo che già a luglio era stato chiamato e rispondere a una interrogazione sulla vicenda confermando di esserne a conoscenza e se poi un qualche dubbio ancora ci fosse ecco che il repentino cambio di opinione della Merkel sulla faccenda dei profughi e la sua “marchetta” a favore della grande industria automobilistica tedesca invitando le grandi marche d’argento  a assumere i profughi, alla luce dei fatti, altro non era che un infantile quanto spregiudicato tentativo di ripagare il danno inferto, nella speranza che tutto venisse insabbiato o quantomeno negoziato nelle segrete stanze di Berlino o Washington.

Che la ferrea “Portinaia del condominio Europa” si fosse trasformata, nel giro di poche ore, in agnellino aperta a risolvere i problemi di tutto l’emisfero sembrava più una favola e non poteva che generare pesanti  sospetti.

Infatti la posta in gioco è enorme sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista dell’immagine.

Berlino2Un’occasione che dovrebbe finalmente fare ringalluzzire i partner europei muovendoli a  chiedere con forza, finalmente, chiarimenti anche in merito al debito pubblico e ai bilanci delle tantissime banche popolari e regionali che la Cancelliera è riuscita a sottrarre al controllo della BCE attraverso le quali il Bilancio nazionale viene “pulito” o piuttosto realizzate operazioni di riacquisto di titoli invenduti nel mercato primario (l’articolo 101 del Trattato di Maastricht vieta l’acquisto sul mercato primario di titoli di Stato da parte delle banche centrali). A questo si aggiunga che le obbligazioni emesse dall’analogo istituto della nostra Cassa depositi e Prestiti, il KFW (Kreditanstalt für Wiederaufbau), non rientra nel conteggio del debito pubblico tedesco (circa 500 miliardi) mentre i 300 miliardi della nostra CDP rientrano eccome.  Ma sono almeno 5 i trucchi utilizzati per “ingannare” i partner europei e vengono ben illustrati nell’articolo di Francesco Cancellato pubblicato su “LINKIESTA” “del 8/7/2014. 

Infine non si creda che la Germania non abbia le sue MPS da gestire e risanare e la crisi Greca è stata una manovra di aiuto alle banche, tedesche comprese, piuttosto che un sostegno alla economia ellenica e quindi al popolo greco.

Tedeschi rivisti e (s)corretti.

La perfezione tedesca scricchiola come era da immaginare. La perfezione non è di questo mondo e non poteva essere di esclusivo patrimonio tedesco.

Ma l’arroganza e supponenza tedesca ha offuscato tutti, loro compresi, incoscienti degli aiuti che l’europa ha, non si sa bene per quale motivo, loro destinato. Prima con il condono dei danni di guerra, poi con gli aiuti all’unificazione delle due germanie quindi con  la concessione, agli inizi del 2000, a superare il tetto d’indebitamento infine nel concedere quegli artifici contabili vietati agli altri Paesi.

berlino6

E loro, invece di starsene zitti, probabilmente ritenendo di essere una nazione eletta, hanno continuato a fare le pulci a tutti, a intervenire pesantemente nei fatti politici degli altri Paesi e soprattutto nei nostri. L’Italia unica nazione in grado di contrastare l’industria e la manifatturiera tedesca  in ogni parte del mondo è stato per oltre vant’anni il principale obiettivo della Germania.

Un’azione costante e spregiudicata di concorrenza sleale per indebolire le nostre aziende e passare all’acquisto a basso prezzo come avvenuto, restando in campo motoristico, con la Lamborghini e la Ducati.

Da questa vicenda non impareranno nulla come nulla impararono dai risultati delle due guerre mondiali e la prova risposta allo scandalo in corso in queste ore.

Solo una ammissione dei fatti, forse nella speranza di ottenere clemenza, ma nessuna scusa e una risposta di facciata con la “decapitazione” del vertice Volkswagen liquidato con una copiosa provvista economica per di più (si parla tra 28 e 33 milioni di euro). Già perché Winterkom non era a conoscenza della manipolazione dei dati. Nel comunicato del board infatti si sottolineava che “Winterkorn non era a conoscenza della manipolazione dei dati” e veniva ringraziato “per il suo elevato contributo” alla società.

Ma il danno di immagine potrebbe avere conseguenze pesanti e quel che è peggio contagerà anche l’europa.

I tedeschi non cambieranno mai, toccherà a noi invece cambiare nelle relazioni con loro, aumentando la nostra autostima e soprattutto andando a mettere gli occhi e le mani nelle loro tasche.

Intanto comincino i tedeschi, almeno quelli onesti, a fare ammenda e a pulirsi in casa: Das(h) Auto.

Torna su