L’USDA lascia inalterati i mercati.

BiogasIn attesa delle decisioni del nuovo Presidente dell’Argentina che potrebbe svalutare la moneta con riduzione dei dazi all’esportazione, i mercati non manifestano particolari variazioni.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 11 dicembre 2015 –

Nessuno scossone dalla pubblicazione dei dati USDA e i mercati perciò non reagiscono a conferma di una notevole consistenza degli stock. Le variabili che potrebbero condizionare i mercati potrebbero provenire dal sud america e in particolare dall’Argentina. Il nuovo Presidente Argentino con tre mosse potrebbe scombussolare il mercato attraverso: svalutazione della moneta e contemporanea riduzione dei dazi all’esportazione, quindi vendita delle scorte strategiche di seme di soya per introitare valuta forte.

Esiste anche la possibilità che gli Usa concedano aiuti alla produzione del biodiesel destinando le risorse alla produzione e non alla miscelazione innescando un sistema incentivante alla spremitura che condurrebbe, presumibilmente, a tendenze ribassiste delle farine e rialziste invece per l’olio e del seme, sempre che siano ancora valide le logiche convenzionali di mercato.   

Tutto ciò è comunque circoscritto al campo delle ipotesi e nel frattempo si assite a una maggiore resistenza sui cereali, sui semi, e sull’olio. Ancora debole il mercato della farina di soya.

La farina di soia su base annua per il 2016 nella serata di giovedi, prima dell’ultimo calo, quotava circa 311 per la 44 e 318 per la proteica normale 46,50% porto di Ravenna.

Mercato nazionale

Momento di difficile interpretazione dei mercati che da un lato sembrano senza rete e tendenti al basso, mentre al contrario la sensazione è di avere raggiunto i minimi storici e perciò in attesa di imminenti probabili  ripartenze.

Scambi ridotti e questo vale anche per il mercato interno normale. L’unico segmento in contro tendenza sembra per il momento essere solo il comparto cruscami di frumento e i prodotti per i biodigestori,  sempre molto ricercati.

MP_11dic15Indicatori internazionali

l’Indice dei noli è in flessione negativa a 534 punti, il petrolio crolla a 36 $/barile e il cambio recupera ancora a 1,09423.


Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) –  – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Torna su