Migranti, hanno ragione gli “UEmanoidi”

Alfano_saluta_,igranti2-per-Finlandia_ott15-ciampino_relocation24

Il Ministro Alfano saluta migranti in partenza per la Finlandia – Ministero dell’Interno

Prossimamente l’Italia sarà sottoposta a una procedura di infrazione

da parte della Commissione Europea per il mancato rispetto dei protocolli di identificazione dei profughi. 60.000 su 90.000 migranti entrati nel nostro Paese avrebbero rifiutato di farsi registrare le impronte digitali e noi, buonisti  ipocriti e irresponsabili, abbiamo accettato il loro rifiuto. Accolti, coccolati e liberati magari con una paghetta.

di Lamberto Colla Parma, 13 dicembre 2015.

E’ duro ammetterlo ma stavolta gli “UEmanoidi” di Bruxelles hanno ragione non solo per quanto riguarda il mancato rigore nell’applicazione di una norma di sicurezza, ma sopratutto perché è illogico e irresponsabile il comportamento dell’Italia tenuto nei confronti dei richiedenti asilo o presunti tali.

La Commissione Europea ha infatti adottato un procedimento di infrazione verso l’Italia e altri 4 paesi (Croazia, Grecia, Malta e Ungheria) per il mancato rispetto delle leggi inerenti al sistema europeo di asilo.

Al nostro paese, in particolare, viene contestato di non aver correttamente identificato i migranti arrivati o transitati sul suolo italiano tramite il foto segnalamento, di non aver preso cioè le impronte digitali.

Su questo punto il Viminale spiega di aver seguito “le procedure stabilite”, sottolinea che “su 90 mila stranieri entrati nel nostro Paese, conosciamo l’identità di ben 60 mila” e si giustifica spiegando ancora una volta il problema di chi si rifiuta di lasciare le proprie impronte digitali. Queste persone, come accade anche in altri Paesi, al momento dell’identificazione tengono il pugno chiuso e i pubblici ufficiali sono “costretti a fermarsi per evitare che la situazione possa degenerare”.

Questa la semplice, banale e infantile risposta dei nostri rappresentanti al Governo.

Alfano-Pinotti_mininterno_1dic15

Ministri Pinotti (difesa) e Alfano (Interni)

Questa è sicurezza?

La sicurezza nazionale e europea doveva avere precedenza assoluta sul diritto di privacy dei migranti. La foto-segnalazione e l’impronta digitale sono elementi indispensabili per l’identificazione certa della persona nell’interesse suo e nell’interesse dei cittadini europei che non gradiscono fallanze nei sistemi di sicurezza posti a barriera contro il terrorismo internazionale.

Nonostante si possa  convenire che sia improbabile che i terroristi viaggino con i barconi degli scafisti, il riconoscimento certo di ogni individuo che entra sul suolo europeo eleva il livello di sicurezza generale.

Negligenza e discriminazione al contrario

Una negligenza inaccettabile quindi e una discriminazione al contrario, pure sessista e aggiungo generazionale.

Io, cittadino italiano e maschio over 50, ho dovuto acconsentire al prelevamento delle farmi impronte digitali nel momento della leva militare obbligatoria (solo per i maschi) e una seconda volta  a seguito, dell’introduzione della Carta di Identità elettronica.

Loro invece, i migranti o profughi che siano, invece sono stati identificati “in fiducia” con improbabili documenti d’identità.

La fiducia, recitava un datato spot pubblicitario, è una cosa seria che si dà alle cose serie e, a quanto pare, noi nativi italiani non siamo seri. Potenziali evasori, potenziali delinquenti, potenziali mafiosi, buoni a niente salvo essere utili, anche in rigor mortis avanzato per porre le crocette il giorno delle elezioni che, mai come in quest’ultimo mezzo lustro, abbiamo tanto sperato.

Alfano_Angelino-foto-ministeroInterno-oreste_fiorenza-056Egregio Ministro Alfano questa volta ha toppato forte.

Ha lasciato aperta una falla pericolosissima.  Auguriamoci che tra i 60.000 profughi non censiti e non perfettamente identificati non vi siano “Tagliagole” e “Kamikaze”.

Se fossi in lei, Signor Ministro, invece di giustificarsi con scuse banali, adotterei misure speciali per recuperare il recuperabile, chiederei scusa invece di attendere dei ringraziamenti e infine, quatto quatto, me ne andrei magari chiedendo il trasferimento a un incarico di Governo meno impegnativo e più adatto a Lei se, proprio proprio, non volesse abbandonare uno scranno ministeriale.

(Foto tratte da www.interno.gov.it)


Torna su