Equitalia, dalla parte del cittadino. O no?

Inc_Cool_8_CrozzaRivoluzione in casa Equitalia. Non verranno consegnate cartelle esattoriali sino all’epifania. Poi tutto tornerà come prima, compresi gli errori.

di Lamberto Colla Parma, 27 dicembre 2015.

Una tregua è il termine più utilizzato dai giornali nazionali per informare della sensazionale novità introdotta da Equitalia, prima volta dopo 10 anni di vita dell’azienda partecipata dall’Agenzia delle entrate e dall’INPS.

Non verranno consegnate le cartelle esattoriali dal 24 dicembre al 6 gennaio salvo i casi inderogabili.

Il nuovo corso di Equitalia voluto  dall’ad Ernesto Maria Ruffini passa anche da queste grandi concessioni riconosciute al popolo più tartassato e vessato d’Europa. 

Non importa se tra le circa 30 milioni di cartelle esattoriali, un gran numero non siano congrue, corrette e eque, bensì conta che lo Stato introiti.

UE pressione fiscale

Pressione fiscale – Fonte Price Waterhouse Coopers

Che si introiti dall’evasore o dall’ingiustamente vessato e distratto non importa, perché del cittadino comune non importa nulla a nessuno, specie allo Stato. Ed Equitalia altro non è che il braccio armato di uno  Stato incapace di avere un rapporto sano con il proprio cittadino.

Lo si vorrebbe invece addirittura felice di essere vittima del proprio carnefice senza alcun impegno e spesa. Sottomessi e felici di esserli solo ascoltando le  soavi parole delle sirene al soldo dei governi.

“Equitalia vuole essere dalla parte degli italiani, non contro”. Così ha commentato l’Ad di Equitalia annunciando la “tregua di Natale” e proseguendo con “la sospensione è un atto di attenzione verso imprese e famiglie con cui stringere un nuovo patto perché il recupero dei crediti e dell’evasione sono fondamentali, così come lo è poter avere gli italiani al proprio fianco”.

Ma di quale patto sta parlando? Il patto l’avrà certamente sottoscritto con il Governo proponendosi di raccogliere, per suo conto, 8 miliardi di euro nel 2015 contro i 7,5 dell’anno precedente.  Un mero obiettivo matematico  realizzato con la strategia tipica della probabilità: Sparare nel mucchio.

E i fatti continuamente confermano questa ipotesi. Tant’è che, ancora nella prima quindicina di dicembre, le cartelle di Equitalia inviate, pur dando per certo che fossero corrette nei dati essenziali e che il credito fosse realmente da riscuotere, non contemplavano il tasso di interesse applicato né tantomeno le modalità di calcolo dell’interesse applicato, in barba alle norme e in barba al corretto rapporto che dovrebbe esistere tra cliente e consumatore e tra Stato (o suo strumenti delegato) e cittadino.

Il lupo si traveste d’agnello per catturarci utilizzando demagogia e fumo negli occhi. Concessioni offerte con la mano sinistra e al contempo la mano destra è già pronta a mungere con gli interessi.

L’attenzione, complici i “media nazionali”, viene costantemente concentrata sulle tasse dirette; Imu si o imu no, e mai sulle tasse indirette, l’Iva che si somma alle accise sui carburanti ad esempio, un’imposta che tassa la tassa e che contribuisce a regalarci il prezzo del carburante più alto d’Europa, un primato che stanno architettando di mantenere e consolidare per garantirsi un gettito fiscale, questo sì, miliardario, altro che IMU sulla prima casa! 

Ed ora ponete bene attenzione ai passaggi che seguono.

Petrolio_Prezzo_5anniOggi il Petrolio WTI costa circa 38 $/barile (aveva toccato anche i 34,40 $/barile all’inizio di settimana) contro i 140-150€/barile di pochi anni fa. Ciononostante il prezzo del carburante non si è abbattuto nella medesima proporzione.

La risposta che viene prontamente data è che è per effetto delle Accise (valore circa 6 centesimi e dall’Iva (ricordo che tra l’altro l’imposta sul valore aggiunto viene calcolata anche sul valore delle accise)  e perciò il prezzo alla pompa non può diminuire con la proporzione sperata (la Cgia di Mestre ha verificato che rispetto al 2008, quando il petrolio costava 41$/bar., il prezzo alla pompa attuale è superiore del 30%.)

Vogliamo scommettere che quando il petrolio tornerà a salire (il tetto dei 100$/barile è la quota di valore che andrebbe bene a tutti gli operatori mondiali) il prezzo alla pompa si aggiornerà in tempo reale e senza alcun tentennamento?

E, dopo le solite richieste di chiarimenti da parte dei movimenti dei consumatori, la risposta sarà sempre la stessa: adeguamento indispensabile al prezzo della materia prima, il  petrolio.

Saranno perciò nuovi record per i carburanti e salassi per gli automobilisti costretti ormai a fare uso dell’automobile per qualsiasi tipo di trasferta, lavoro, approvvigionamenti e diletto.

E così via in questa spirale senza fine che vede il cittadino al centro delle attenzioni di …

… INC.COOL.8

Medie mensili e scorporo costi Gasolio - Fonte Ministero Sviluppo Economico  e  CONFETRA

Medie mensili e scorporo costi Gasolio – Fonte Ministero e CONFETRA

  

Torna su