Una cicca frusta!

Cicche_sigaretta_parco_bimbiSarà la vicinanza dell’Isis sarà il distacco dalla realtà, ma le barbarie a cui assistiamo dovrebbero fare riflettere le persone di buonsenso e soprattutto i politici.

di Lamberto Colla Parma, 7 febbraio 2016.

Uno sterminio di  madri, mogli e compagne da parte di squilibrati, perché solo così possono essere definiti, che all’apparenza sembrano condurre una vita normale o forse così sono visti dai vicini sempre più distratti dalle faccende altrui per il montare dei propri problemi.

Mogli e figli tutti in balia di uomini che invece di proteggerli si trasformano in carnefici.  La settimana appena trascorsa è stata testimone di tanti, troppi fatti di violenza domestica o all’interno di strutture protette.

Da nord a sud senza distinzione come i tre casi, nell’arco di 24 ore, registrati in settimana. A Brescia Marinella, 55 anni, è stata uccisa a coltellate. Tolta la vita a sua moglie ha chiamato il cognato, gli ha raccontato cosa aveva fatto, si è messo in auto e si è schiantato contro un Tir. È morto sul colpo. Carla invece di anni ne aveva 38 anni e in grembo portava una figlia. Dopo un litigio, sembra per motivi di gelosia, lui ha preso del liquido infiammabile e le ha dato fuoco. È successo a Pozzuoli. Soccorsa da un passante ha partorito la sua bimba, nata prematura. Giulia Pia.  Luana aveva 41 anni. Separata, madre di tre figli. Discuteva spesso con il compagno, da cui aveva avuto il terzo figlio, di 4 anni. Lui l’ha strangolata per gelosia.  Un recidivo poiché nel 2000 aveva già ucciso un vicino di casa per le presunte avances che rivolgeva alla sua compagna di allora e per il quale era stato condannato a 11 anni di carcere.

Troppi i casi di maestre di scuola e di infanzia che salgono agli onori delle cronache perché insultano, strattonano, e picchiano bambini di pochi anni. Anche troppo frequenti i casi maltrattamenti a persone fragili, come accaduto all’attore Francesco Nuti picchiato dal suo badante, o come quegli anziani, segregati negli ospizi e vittime di violenza, piuttosto di infermieri, che pur di non venire disturbati durante il turno notturno in ospedale somministravano dosi di calmanti, non autorizzati dai medici, anticipando così lla morte ai pazienti in età più avanzata, quelli il cui fisico è ormai incapace di reagire alla violenza dei farmaco.

Barbarie alle quali è difficile abituarsi e per le quali è difficile credere che gli esecutori verranno puniti con le adeguate pene. Il caso di Luana ne è la dimostrazione più recente e drammatica.

Una società sempre meno civile e sempre appare come più un agglomerato di persone la cui troppo stretta vicinanza scatena reazioni furiose sempre più diffuse e  spesso incomprensibili. Società dove a  scuola si impara a fare il capobranco e dove le goliardate di un tempo si sono trasformate in bullismo violento.

Una società che punisce il cittadino reo  di inquinare il mondo con il mozzicone di sigaretta gettato a terra con ben 600€ di multa e non riesce a difendere i più deboli e a punire con fermezza chi si è macchiato di feroci quanto gratuiti omicidi. Già perché ai casi di quegli assassini “familiari” si devono aggiungere le vittime della strada per colpa di ubriachi alla guida di auto o di microcar, come il caso dell’immigrato rumeno che ad Arezzo, pochi giorni fa, ha investito, uccidendole, madre e figlia sul marciapiede. All’alcol test risultavano valori 4 volte superiori superiori al consentito. Ben più di una o due birre.  L’alcol è un vero e proprio killer e in europa sono ben 7.000 le vittime di incidenti stradali dovuti all’ebbrezza dei conducenti.

Una società allo sfascio dove le regole vengono applicate, con rigore, a chi ha sempre vissuto nella normalità, rispettando legge, norme e soffrendo per ottenere anche diritti reali, mentre rimane a osservare testimone di reati impuniti una sempre maggiore mole di persone.

Ma attenzione che i furbetti chiamano furbetti e i civili possono trasformarsi in incivili applicando il diritto alla sopravvivenza e allora il caos e l’anarchia diffusa e generalizzata non potrà che innescare micro o grandi rivoluzioni.

E’ sul Lavoro e sul rispetto delle norme che il Governo deve dare una reale e rigida svolta.

Accantonare per un attimo le tendenze “green” per illuminare le tante zone “black” della nostra vita sociale.

Dare maggiore respiro alle micro e piccole imprese, quelle che potranno quindi assorbire nuove unità lavorative, e punire le grandi imprese che tra distrazioni fiscali e irregolarità ambientali non hanno da imparare nulla da nessuno.

Forse il Governo dovrebbe pensare a rieducare il sistema scolastico che torni a essere, da nord a sud, il terreno di coltivazione delle future generazioni e non solo una sorta di depositi familiari per figli di genitori indaffarati a tirare la carretta che quando tornano a casa sono così stremati da non avere più neanche la forza di fare un carezza ai figli.

ecografia

ecografia

Invece sono settimane che in parlamento si discute di famiglia e soprattutto lo scontro si fa duro sullo “Stepchild adoption”.

E cosa sarebbe?  Perché non descriverlo in italiano comprensibile? Nientemeno che la possibilità da parte di una coppia Gay di adottare il figlio di uno dei due componenti il nuovo nucleo familiare. Un problema sociale sicuramente importante per la comunità omosessuale ma che non può che essere limitato a rarissimi casi. Quando uno dei due è vedovo ad esempio o mamma nubile, perché diversamente l’adozione del figlio sarebbe impossibile per l’esistenza in vita dell’altro genitore, etero o omosessuale che sia.

E così dibattiti parlamentari, manifestazioni in piazza per che cosa? solo pochi casi o forse perché dietro al passaggio di questa norma ci starebbe la apertura legale all’utero in affitto?

Non sarebbe più onesto e civile allentare i cordoni dell’adozione? Sia in termini di costi, sia nella rosa dei destinatari dell’affidamento, comprendendo quindi anche i single e le coppie omosessuali, sempre che rispettino i requisiti di onorabilità richiesti?

Invece a quanto parrebbe la lobby “Omo” preferirebbe accudire al figlio venuto al mondo per via naturale da una donna, ops scusate, meglio dire femmina “covatrice” inseminata da uno dei due piccioncini amorosi.

Intanto i piccini adottabili crescono negli orfanotrofi e svanisce pian piano la possibilità di essere attrattivi per l’adozione. Crescono in una struttura dove l’amore è distribuito su tanti e non abbastanza per ciascuno, col rischio di crescere infelici e anaffettivi.

E dove non c’è amore non c’è società civile e tolleranza. La nostra si sta così trasformando. 

Una civiltà in cui una cicca vale più di una vita umana non potrà avere un orizzonte lontano.

.

  Orizzonte_Albarese

  

Torna su