Agricoltura. Prodotti fitosanitari a base di Glifosato. Dal M5S la richiesta di vietarne la produzione e l’uso.

Agricoltura_UE_cibusLa Risoluzione sottoscritta dai due consiglieri: Bertani e Piccinini (M5S) affinché la Regione si attivi per il divieto di produzione e uso: “Sostanza cancerogena, la Giunta intervenga in tutte le sedi istituzionali per vietarne il commercio”

Bologna 25 febbraio 2016 – L’utilizzo di prodotti fitosanitari a base di glifosato è oggetto di una risoluzione presentata da Andrea Bertani, primo firmatario, e Silvia Piccinini (M5S).

Nel settembre scorso, ricordano i consiglieri, il tavolo delle associazioni ambientaliste e dell’agricoltura biologica ha inviato al ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, al ministro dell’Ambiente, della tutela del territorio e del mare, al ministro della Salute e a tutti i presidenti delle Regioni “la richiesta di un provvedimento urgente per il divieto della produzione, commercializzazione e uso di tutti i prodotti fitosanitari a base di glifosato nel territorio nazionale, nonché la rimozione del prodotto da tutti i disciplinari di produzione che attualmente lo contengano e l’esclusione da qualsiasi contributo, nei Piani di sviluppo rurali (Psr), per le aziende che lo utilizzino”. A tutt’oggi, però, né il Governo né le Regioni “avrebbero dato risposta al riguardo e, dato che il glifosato continua a essere incluso nel Piano d’azione nazionale (Pan) per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, tutti i Psr gestiti dalle Regioni sono in procinto premiarne l’utilizzo attraverso il finanziamento, nella misura 10, dell’agricoltura integrata e conservativa”. L’uso sostenibile dei fitofarmaci, quindi, “paradossalmente promuoverà l’utilizzo di un prodotto ritenuto cancerogeno per gli animali e potenzialmente cancerogeno per l’uomo”.

Bertani e Piccinini, pertanto, chiedono alla Giunta regionale “di impegnarsi in tutte le sedi istituzionali, nel rispetto del principio di precauzione e a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente, per sollecitare il Governo a intervenire in ambito europeo al fine di vietare la produzione, la commercializzazione e l’uso di tutti i prodotti a base di glifosato, il cui utilizzo può essere sostituito da buone pratiche agro ecologiche come le coltivazioni biologiche e biodinamiche, e a inserire la ricerca e rilevazione del glifosato nei monitoraggi delle acque, sia ordinari sia straordinari, effettuati da Arpae”.

(Tutti gli atti consiliari – interrogazioni, interpellanze, risoluzioni, progetti di legge – sono disponibili on line sul sito dell’Assemblea legislativa al link: http://www.assemblea.emr.it/attivita-legislativa)

(lg)

Torna su