Cereali. I primi segnali di recupero

Cereali_spiga_aristata_cibusPetrolio e noli in fase di recupero trascinano anche i mercati che segnano dati positivi.

Positivi i dati delle produzioni  di semi e corn in Brasile. Confermate le buone previsioni del sud america.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 03 marzo 2016 –

Positivi segnali di recupero nonostante le notizie sui raccolti in Sud America siano ottimistici. Infatti l’agenzia Informa, stima la produzione del seme in Brasile a 101,3 milioni di tonnellate rispetto alla precedente previsione di 100,5 (l’USDA è a 100). Quella dell’Argentina è a 59 contro 60 (l’USDA è a 58,5). La produzione del corn dal Brasile è data a 82,5 contro 81,6 (l’USDA è a 84). Quella dell’Argentina a 27 contro 26 (l’USDA è a 27).

Con questi dati, almeno teoricamente, i prezzi avrebbero dovuto segnare negativo. A aumentare il tasso di incertezza si aggiunga che la Cina forse avrà bisogno di maggiore disponibilità di soya (si stima 1,5 milioni di tonnellate) e  potrebbe invece immettere sul mercato le sue scorte di cereali. 

Con Petrolio in recupero, noli in recupero lo scorso giovedi anche i mercati hanno dato segni positivi.

Mercoledì 3 / 3 / 2016

Semi : marzo 854,20 (+3,4) maggio 861,40 (+3,4)

Farina : marzo 261,20 (+3,1) maggio 264,50 (+3) Olio : marzo 30,17 (-0,15) maggio 30,37 (-0,17)

Corn : marzo 354,40 (+0,6) maggio 356,20 (+0,4)

Grano marzo 442,60 (+0,6) maggio 450,20 (+4,2) luglio 456,20 (+3,6) dicembre 481,20 (+3,6) )

Il mercato domestico Situazione invariata da diversi mesi sul fronte dei consumi che si dimostrano sempre molto ridotti. Dall’est e dalla Francia invece proseguono i tentativi di vendita per tutti i cereali e pure per i sottoprodotti. I cruscami hanno iniziato una fisiologica risalita così come i sottoprodotti e i proteici risentono dell’aiuto del cambio.

Bioenergetico. Il settore manifesta le solite preoccupazioni sulla prossima campagna dove le semine a mais saranno ulteriormente ridotte (istat ipotizza un calo del -8%) a favore di riso e proteoleaginose.

MP-3mar16Indicatori internazionali

l’Indice dei noli è risalito a 332 punti, il petrolio ha recuperato un altri 2$ a 35$ e il cambio si abbassa a 1,08639 avendo toccato anche 1,083.


Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) –  – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

logo andalini

Torna su