Dove va il Parmigiano?

PRRE_BattitoreIn un comparto lattiero caseario che sta attraversando uno stato di  crisi fortemente preoccupante, il Parmigiano Reggiano prosegue la sua corsa al rialzo trascinando però un aumento della produzione che potrebbe, il condizionale è d’obbligo, compromettere la durata del periodo di positività se la domanda non fosse in grado di assorbire la maggior disponibilità di prodotto.

di Virgilio Parma, 05 marzo 2016 –

Il comparto lattiero caseario non sta certamente attraversando uno delle suoi più floridi periodi.

La prima campagna lattiera (aprile 2015- marzo 2016) orfana dal “pendizio” delle quote latte è stata contraddistinta dal crollo del valore del latte e dei suoi derivati.

Una caduta libera che ha contribuito a consolidare la crisi delle due principali DOP, Grana Padano e Parmigiano Reggiano in particolare.

Questo almeno sino a ottobre scorso quando, sorprendendo un po’ tutti gli operatori ormai scoraggiati, i mercati delle due eccellenze si sono lievemente distaccati dalla curva flessiva invertendo la tendenza negativa.

Mentre il Parmigiano Reggiano non ha più interrotto il costante percorso di risalita, il Padano si è mosso molto più modestamente.

PRRE-GP-sett15-mar16_PrezziDove andrà a finire il prezzo del Parmigiano Reggiano è difficile da prevedere, tant’è che tutte le volte che qualcuno ha tentato delle previsioni si è infranto contro la dura legge del mercato.

In questi giorni due sono gli elementi che fanno pensare e che teoricamente sarebbero in conflitto soprattutto per un prodotto assoggettato a domanda pressoché rigida:

1. le quotazioni rialziste;

2. l’incremento produttivo.

E’ dei giorni scorsi la notizia (26 febbraio) che i grandi player del comparto si sono dati battaglia nell’aggiudicarsi i 19 lotti in cui erano suddivise le 40mila forme andate all’asta a seguito della procedura concordataria dei Magazzini Emiliani e della Bergamaschi di Suzzara.

Alla fine dalla vendita all’incanto si è realizzato un ricavo sensibilmente più alto delle previsioni portando all’incasso ben 22 milioni di euro che potranno soddisfare il ristoro dei crediti delle aziende in concordato. Presenti direttamente all’asta erano infatti i rappresentanti dei Big del settore, della Boni spa di Parma, della Zanetti Spa di Bergamo, della Mulino Alimentare spa anch’essa di Parma seppure la proprietà del reggiano Claudio Guidetti, la Parma Reggio Spa di Reggio e Modena, la Nuova Castelli di Reggio e la Colla Spa di Piacenza.  Nessuno ha voluto sottrarsi allo scontro per assicurarsi una quota del prezioso prodotto.

Proprio la massiccia presenza dei grandi commercianti, che hanno battuto prezzi con punte anche superiori ai 10 euro (media 9€/Kg.), lascia intendere che la curva discendente non si dovrebbe innescare troppo presto.

Se questo episodio, che vede tutti i grandi operatori disponibili a mantenere elevato il prezzo, non vi fosse stato sarebbe invece il caso di cominciare a allarmarsi per l’incremento produttivo che il risveglio del mercato ha stimolato. Già dai primi segnali di ripresa – come può evincersi dal grafico CLAL – dello scorso mese di ottobre, gli allevatori hanno ricominciato a incrementare sensibilmente la produzione.

PRRE_produzione+2,7%, +3,3%, 5,2% e +5,7% la scala di crescita da ottobre a dicembre 2015 per giungere a gennaio 2016 (ultimi dati ufficiali) mese nel quale si sono registrate 297.493 forme di Parmigiano Reggiano, quasi 16.000 più del gennaio 2015 e quasi 40.000 in più rispetto al novembre 2014.

Un’euforia che potrebbe essere pagata a caro prezzo se il mercato domestico non dovesse riprendersi e soprattutto se i Big Player non riuscissero a incrementare le esportazioni.

Su quest’ultimo fronte i segnali sono positivi, dal Canada alla Cina il Parmigiano è nei sogni di tanti consumatori e sarebbe sufficiente erodere una piccola quota di mercato al “Parmigiano Fake” (solo negli USA sono 100.000 le tonnellate di prodotto prodotti venduti con il termine “parmesan” e in confezioni che palesemente richiamano l’Italia) per annullare ogni timore di una prossima pesante crisi.

Torna su