Cereali. Giornata al cardiopalma dopo l’intervento di Draghi

Cereali verso cielo_cibusBorse prima euforiche poi depresse. L’ultimo ritocco degli interessi ha smorzato le aspettative positive  inizialmente così interpretate dal discorso di Mario Draghi. La presa di coscienza che questi tassi resteranno per un periodo abbastanza lungo ha fatto precipitare gli indici borsistici di giovedi scorso.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 11 marzo 2016 –

La settimana che si è appena conclusa può essere segmentata in due tronconi. La prima metà  quasi completamente alla mercé degli automatismi dei “robot telematici” dei Fondi alla ricerca delle ricoperture. Il mercato reale sembrava stabilizzato a fronte dei dati rassicuranti dell’USDA; previsioni di semina coerenti e raccolti in linea con le previsioni, Stock di riporto alti. Con le dichiarazioni di Draghi del 10 marzo invece si è assistito a risveglio schizofrenico dei vari mercati. Sull’emozione iniziale di proposte così spinte del n° 1 della BCE le borse si sono prima ringalluzzite e poi, quasi a interpretare una reale difficoltà dell’Economia UE, depresse chiudendo con il segno negativo. Forse l’idea che quello annunciato fosse stato l’ultimo taglio agli interessi, non è piaciuto agli operatori. Così da un +4% (bancari soprattutto) di certi momenti si è arrivati alla chiusura con -0,5% (18.118,23 punti) e le Borse europee, che avevano toccato punte al rialzo del 2-3%, hanno perso l’1%. Solo venerdi sera le borse hanno dimostrato di apprezzare la misura di Draghi e chiudono con un convincente +5%.

Il mercato domestico Situazione invariata da diversi mesi sul fronte dei consumi che si dimostrano sempre molto ridotti.  I cereali sempre difesi che dovrebbe confermare di avere raggiunto il punto più basso fatta eccezione dei cereali a paglia che invece potrebbero cedere ancora un po’ per effetto dell’estero.

Bioenergetico. Il settore manifesta le solite preoccupazioni sulla prossima campagna dove le semine a mais saranno ulteriormente ridotte (istat ipotizza un calo del -8%) a favore di riso e proteoleaginose.

Indic_10,ar16Indicatori internazionali

l’Indice dei noli è risalito a 384 punti, il petrolio ha recuperato ancora 38,5$ e il cambio rafforza il dollaro a 1,11537.


Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) –  – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

logo andalini

Torna su