Sol&Agrifood: etichetta narrante arma vincente per il made in Italy di qualità

Vinitaly-oliextravergineVerona, 12 aprile 2016 – Un’alleanza fra produttori agroalimentari e consumatori che tuteli entrambi dalle frodi e dalle sofisticazioni parte da una conoscenza della qualità intrinseca, espressione di un sistema di produzione, del territorio e delle sue materie prime. Lo sanno bene gli olivicoltori di Sol&Agrifood, la Rassegna dell’agroalimentare di qualità in corso a Verona in contemporanea con Vinitaly ed Enolitech ( www.solagrifood.com ), spesso costretti a subire la cattiva pubblicità derivante dalla scoperta di oli extravergine di oliva solo in etichetta.

Se ne è parlato oggi durante il convegno “Leggere l’olio extravergine di qualità: quali informazioni per tutelare consumatori e produttori”, organizzato da Veronafiere in collaborazione con la Guida agli extrevergini di Slow Food Editore.

«Abbiamo 405 tipi di cultivar di olivo in Italia, che è ciò che ci permette di avere oli eccezionali. Per questo – ha detto il comandante Regionale per la Toscana del Corpo Forestale dello Stato Giuseppe Vadalà – è importante difendere la qualità. Lo strumento è un’etichetta che dichiari l’origine della materia prima agroalimentare, punto di forza del made in Italy»
(fonte veronafiere)

Torna su