Etichette. Il semaforo inglese non piace all’UE

formaggi-semaforosso_cibusVittoria della dieta mediterranea. L’Europarlamento con 402 voti a favore, 285 contrari e 22 astensioni invita la Commissione europea a “riesaminare la base scientifica” del sistema “a semaforo”.

di Virgilio Parma, 13 aprile 2016 – Il Parlamento Europeo ha respinto il sistema inglese dell’etichetta a ‘semaforo’ sugli alimenti e chiede di rimettere in discussione il fondamento scientifico dei cosiddetti ‘profili nutrizionali’.

La richiesta è stata approvata con 402 voti a favore, 285 contrari e 22 astensioni.

“Siamo soddisfatti per il voto del Parlamento europeo che boccia un sistema di etichettatura troppo semplicistica e fuorviante. Siamo favorevoli alla corretta informazione del consumatore ma questa deve essere oggettiva e basata su evidenze scientifiche. No, quindi, ad un sistema che penalizza le produzioni di qualità, in particolare olio, formaggi e salumi”. Commenta così Giorgio Mercuri, presidente dell’Alleanza delle Cooperative agroalimentari il voto dell’assemblea di Strasburgo in favore dell’eliminazione dei profili nutrizionali in etichetta, sul genere del “semaforo inglese”.

“Ringraziamo – prosegue Mercuri – il lavoro condotto dall’Italia e dai nostri parlamentari europei, in particolare da Paolo De Castro, per il raggiungimento di questo primo significativo risultato. E’ importante riflettere in ambito europeo su come favorire un consumo più consapevole, purché si utilizzino criteri oggettivi, senza danneggiare produzioni simbolo dell’agroalimentare italiano promosse dalla Dieta mediterranea”.

Cos’è il semaforo.

Si tratta di un sistema introdotto unicamente  nel Regno Unito, e fortemente voluto dal ministero della Salute britannico per contrastare l’obesità. Sulle etichette dei prodotti alimentari distribuiti in Uk c’è dunque un piccolo semaforo che fornisce al consumatore le informazioni nutrizionali essenziali. Da molti Paesi produttori di qualità il sistema informativo a “semaforo” è giudicato grossolano. 

Torna su