Vinitaly 2016: il bilancio dell’Emilia Romagna

50esimo_ER_vinitalyMolti gli aspetti positivi, ne parlano Presidente e Direttore di Enoteca Regionale

«Sono molti gli aspetti positivi che abbiamo riscontrato in questo 50esimo Vinitaly. Quello che però ci preme sottolineare particolarmente è la grande affluenza che abbiamo riscontrato, nonostante la nuova politica di accesso all’evento stabilita da Verona Fiere. Mentre prima si poteva pensare che il Padiglione 1 Emilia Romagna fosse frequentato, oltre che per il business, per la grande accoglienza e l’ospitalità, che certo non sono mancate, quest’anno abbiamo avuto la conferma che è alto l’interesse per i nostri vini anche da parte degli addetti al settore che per tutte e 4 le giornate hanno affollato il Padiglione 1. Conferma che ci è arrivata anche dai 200 produttori presenti, tutti unanimi a sottolineare il successo ottenuto», commenta a caldo Pierluigi Sciolette, Presidente di Enoteca Regionale, in chiusura della manifestazione italiana fra le più importanti a livello internazionale per il settore vino. «L’Emilia Romagna è una delle poche regioni italiane ad avere all’interno del Vinitaly un’identità e un’idea di insieme. Riusciamo ad avere sotto uno stesso “tetto” piccole, medie e grandi imprese, gruppi privati e cooperative: siamo una regione che fa sistema e, insieme, raggiungiamo traguardi importanti».

Conclude Sciolette: «Nell’organizzazione abbiamo avuto attenzione per il territorio, il vino e il food nel suo insieme, attraverso lo slogan della “via Emilia, dal 187 A.C. un viaggio nel buon gusto” che accompagna e unisce tutte le entità enogastronomiche, e non solo, della nostra regione, da Rimini a Piacenza, passando per il ferrarese».

Per dare la dimensione del successo, ma anche del grande lavoro che prende vita all’interno del Padiglione 1, il Direttore di Enoteca Regionale, Ambrogio Manzi, racconta: «è una macchina organizzativa importante quella del nostro Vinitaly, con 500 vini nei 7 banchi d’assaggio, tante iniziative in programma nei vari stand nell’area eventi (tra le quali la presentazione dall’App “Via Emilia Wine & Food”, con l’intervento dell’Assessore regionale all’Agricoltura Simona Caselli), moltissime le degustazioni tutte fatte in modo professionale con un’attenzione minuziosa anche ai dettagli, come la fornitura di ghiaccio (in 4 giorni ne sono stati distribuiti circa 40 quintali!), di spumantiere personalizzate, bicchieri sempre perfetti. L’Emilia Romagna è l’unica a dare l’opportunità agli espositori di fare incontri di lavoro all’interno del proprio ristorante (che “sfornava” circa 350 coperti al giorno)».

Prosegue Manzi: «C’è un grande lavoro già prima dell’apertura  della fiera: abbiamo 1000 persone da gestire tra addetti ai lavori e aziende, 30 persone dedicate ai 15.000 bicchieri, 40 persone dedicate al ristorante, 20 sommelier addetti alle degustazione e ai banchi d’assaggio, oltre a quelli presenti nelle singole aziende, un ufficio comunicazione dedicato al Vinitaly composta da 10 persone tra giornalisti, blogger, operatori TV, un ufficio segreteria permanente di 6 persone. Numeri che sottolineano la complessità di questo grande evento»

Enoteca_emiliaromagna2

(fonte Regione Emilia Romagna – enoteca emilia romagna)

 

Torna su