Cereali. Mercato prosegue la tendenza al rialzo

Mais_e_coccinella01Ben 6 sedute consecutive registrano rialzi. Il momento deflattivo delle commodities
parrebbe definitivamente concluso. Non si vivacizza il mercato domestico.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 19 aprile 2016 –

Anche venerdi scorso il mercato ha proseguito la galoppata al rialzo con particolare concentrazione sul comparto soia.

I semi da 904,40 punti del maggio di giovedì 7 hanno scalato quota 956 (+51,60 punti pari al 5,70%) e alcuni operatori stimano che possa arrivare a 985 punti, mentre la farina é passato da 266,80 del maggio di giovedì 7 per toccare i 295,00 dollari per tonnellata corta (+28,20 dollari pari al 10,56%).

Con ben 6 sedute di rialzo non è più il caso di  considerare gli episodi come semplici rimbalzo bensì una tendenza consolidata. Unica variabile sugli scambi potrebbe derivare dall’ennesimo ridimensionamento del petrolio dopo determinato dai mancati accordi all’interno dell’OPEC.

Forse il momento deflattivo sulle commodities potrebbe essere  definitivamente terminato.

Mercato domestico

Uniche variazioni si riscontrano prevalentemente nei valori ma non nei volumi scambiati che restano stabili. D’altronde ancora tutte le filiere zootecniche sono in crisi trascinandosi con l’annoso problema della scarsa liquidità finanziaria.

Bioenergetici

Il comparto delle bioenergie continua a soffrire per la carenza di merce, possibilmente con tossine,  sempre più rara e vede all’orizzonte nuvole preoccupanti per il rincaro delle matrici utili alla produzione oltre alle solite problematiche burocratiche di natura sanitaria.

Indicatori internazionali 17 aprile 2016
l’Indice dei noli cresce sino a 635 punti, il petrolio scende a 38,60 $ e l’indice di cambio  è 1,12826.


Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

logo andalini

Torna su