Cereali e dintorni. Il brusco risveglio.

cerealirid206_cibusInsomma, in otto giorni lavorativi, si è assistito a una repentina trasformazione  del mercato, stagnate da mesi, quasi amorfo,  alla “folgorazione”. E c’é già chi si sbilancia a prevedere, ben presto, il raggiungimento dei valori del luglio scorso

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 21 aprile 2016 –

Il mercato sembra realmente decollato e i fondi, sempre più padroni, hanno fatto “ottimi affari”. Il mercato si era spinto troppo verso il basso e ora le speculazioni spingo al rapido rialzo. Un risveglio brusco e il mercato infine ha preso il volo. Semi : maggio 985,40 (+31,2) luglio 994,60 (+31,6)

Farina : maggio 305,10 (+12,1) luglio 307,90 (+12,2)

Olio : maggio 34,78 (+0,83) luglio 35,07 (+0,84)

Corn : maggio 384,40 (+3,4) luglio 389,40 (+4,4)

Grano maggio 486,20 (+13,4) luglio 494,20 (+13,2) dicembre 519,20 (+13,4)

I fondi sono stati i veri padroni, si calcola che nella giornta del 19/4 abbiano realizzato acquisti per 27.000 contratti di semi, 9.000 di farina, 8.000 di grano e 9.000 di mais.

Mercato Domestico Come di diceva anche nei giorni scorsi, l’adeguamento dei valori ai flutti internazionali non è stato corrisposto con l’adeguamento dei volumi. Con le filiere zootecniche in crisi e con l’annoso e cronico problema della scarsa liquidità finanziaria questo aumento dei valori determinerà nuove apprensioni  e dovrebbe generare movimenti di ricopertura.

Insomma, in otto giorni lavorativi, si è assistito a una repentina trasformazione  del mercato, stagnate da mesi, quasi amorfo,  alla “folgorazione”. E c’é già chi si sbilancia a prevedere, ben presto, il raggiungimento dei valori del luglio scorso con far soya intorno ai 400 euro e mais di qualità sui 190/195 euro.

Indicatori internazionali 20 aprile 2016
l’Indice dei noli è salito sensibilmente a 670 punti, il petrolio gira attorno a 40$ e l’indice di cambio  va  ancora a favore dell’€ a 1,13647 .

logo andalini

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Torna su