Cereali e dintorni. I mercati in mano ai fondi.

cereali e collinaridI dati pubblicati dall’ICG confermano la consistenza finale degli stock ma ciononostante i prezzi hanno proseguito la risalita.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 29 aprile 2016 –

Ancora burrasca sui mercati delle materie prime con i fondi di investimento che da quando si sono risvegliati hanno fatto il bello e il brutto tempo fortificati da nuove liquidità.

La finanza conferma, ancora una volta, la capacità di condizionamento dei mercati stimolando reazioni molto spesso opposte alle reazioni prevedibili dalla lettura dei fondamentali. E così i dati pubblicati nei giorni scorsi dall’IGC (International Grain Council) hanno confermato le alte cifre delle produzioni mondiali e degli stock di fine campagna.

La produzione mondiale di grano è stata valutata in 717 milioni di tonnellate contro i 713 del mese precedente (stock finali a 218 contro 211 ). La produzione del corn a 998 contro 993 (stock finali a 208, come il mese precedente ). Quella del seme a 319 contro 320 (stock finali a 32 contro 33 ).

Questi dati dell’ICG non giustificano gli aumenti registrati nei rispettivi mercati di riferimento.

I fondi sono stati i veri padroni e si calcola che nella giornata del 19 aprile scorso abbiano realizzato acquisti per 27.000 contratti di semi, 9.000 di farina, 8.000 di grano e 9.000 di mais.

Dopo gli stravolgimenti di queste ultime settimane, alla incredulità degli operatori sta subentrando un po’ di paura e forse di rimpianto per le occasioni perdute nei diversi mesi lasciati correre con  prezzi bassi e per le ricoperture non effettuate.

Indicatori internazionali 28 aprile 2016
l’Indice dei noli è salito a 710 punti, il petrolio sfiora i  46$ e l’indice di cambio  ruota attorno a 1,13845 .


Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

logo andalini

Torna su