Cereali e dintorni. Aggiornamento

Cereali_spiga_in_campoProsegue la corsa in salita dei prezzi delle materie prime. Nuovi sensibili rialzi. Come si era chiusa la settimana scorsa si è aperta la nuova ottava. Inspiegabile deciso rafforzamento dell’euro nei confronti del dollaro.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 4 maggio 2016 –

Anche venerdì scorso il mercato ha chiuso in aumento:

Semi : maggio 1021,00 (+3) luglio 1029,60 (+2,2)

Farina : maggio 332,10 (+1,5) luglio 334,80 (+1,4)

Corn : maggio 390,20 (+3,2) luglio 391,60 (+0,4)

Grano: maggio 478,00 (+2,4) luglio 488,40 (+3) dicembre 516,00 (+3,6)

Il segno positivo è sostenuto da diversi fattori: forte liquidità dei fondi che probabilmente hanno deciso di rafforzare i prezzi troppo bassi delle materie prime e  da condizioni avverse, per ragioni opposte in sud america ( piogge insistenti in alcune aree in Argentina e siccità in Brasile), comunque non sarebbero sufficienti a compromettere gli abbondanti stock di merce.

Aggiornamento delle quotazioni di lunedi:

Semi : mag 1035,40 (+14,4) lug 1043,60 (+14) ag 1044,00 (+13,4)

Farina : mag 345,30 (+13,2) lug 347,30 (+12,5) ag 345,00 (+10,8)

l’Indice dei noli è a 703 punti, il petrolio staziona a 45,00 dollari al barile e il cambio gira a 1,15532 contribuendo a attenuare il rincaro di alcuni prodotti.

Settore bioenergetico – è il momento di acquisto per i trinciati primaverili, ricchi di massa ma poveri di apporto energetico. Prosegue la ricerca agli amidacei a buon mercato e con l’esaurirsi del mais con tossine l’orientamento è verso le crusche, i farinacci, pule e semole umide.

Indicatori internazionali 03 maggio 2016
l’Indice dei noli è a 703 punti, il petrolio sfiora 45,5 $ e l’indice di cambio  è sensibilmente salito nuovamente a 1,15532 (incomprensibile in considerazione della pessima salute dell’economia UE –  vedi Grecia.


Mario Boggini
– esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

logo andalini

Torna su