Cereali e dintorni. Mercato ancora in crescita nonostante un lieve sussulto di metà settimana.

Spiga_cereali_frumento_duroCrescita. sembra l’imperativo del momento sul settore delle materie prime.   Un’oscuramento registrato mercoledi ha fatto pensare a una inversione di tendenza, immediatamente rientrata. In attesa dei dati USDA per trovare giustificazione al l’aumento registrato dalla soia (+ 30%).

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 7 maggio 2016 –

Dopo la serie di rincari a metà della settimana le borse hanno alternato momenti di flessione seguiti da leggeri rincari. Un andamento che ha fatto pensare a azioni di incasso da parte dei fondi di investimento. Invece i consistenti ribassi registrato nella giornata di mercoledi si sono tramutati in rialzi sensibili anche in soprattutto su farina di soya e il seme, trascinando con loro anche altre merci.

Semi : mag 1024,40 (+3) lug 1034,00 (+4) ag 1036,00 (+4)

Farina : mag 343,00 (+3,5) lug 345,00 (+3,2) ag 343,20 (+3)

Corn : mag 373,20 (-5) lug 376,60 (-3) sett 379,00 (-2,4 )

Grano: mag 460,40 (+0,6) lug 471,20 (+0,4) sett 481,40 (+0,2) dic 498,60 (0)

Difficile, al momento,  spingersi in previsioni ma muoversi con cautela sui proteici in attesa dei dati USDA dei prossimi giorni per verificare se sussistono le giustificazioni a un aumento del 30% nel comparto soya.

Per quanto riguarda il mercato domestico è da segnalare la tendenza in area positiva del mais che sta coinvolgendo anche il grano e l’orzo sconfessando chi riteneva che potesse essere immune da rialzi. Una buona prospettiva quindi per i produttori, un po’ meno per gli operatori delle filiere zootecniche in considerazione della crisi che stanno attraversando.

Per il settore bioenergetico gli orizzonti si oscurano sul breve medio termine prima dell’arrivo della nuova campagna mais che comunque si preannuncia con valori più  sostenuti. nella giornata di mercoledi i contratti di farine di mais destinate allo specifico settore sono stati proposti e realizzati  a 175 euro alla tonnellata resi in Lombardia.

Indicatori internazionali 05 maggio 2016
l’Indice dei noli è sceso a 652 punti, il petrolio staziona intorno 44,60 $ e l’indice di cambio  è 1,14685 (incomprensibile in considerazione della pessima salute dell’economia UE –  vedi Grecia.


Mario Boggini
– esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

logo andalini

Torna su