Ma Robin Hood non rubava ai ricchi?

Carburanti_belgio-Ita-20apr16Dall’eliminazione del Bollo Auto una nuova trappola.

Da tassa in qualche modo legata al reddito, alla più “democratica” tassa variabile sul consumo: una nuova accise! La fregatura è sempre dietro l’angolo.

di Lamberto Colla Parma, 8 maggio 2016. Ci risiamo. La tassa di proprietà dell’automobile, più volgarmente nota come bollo auto, è tornata di moda. E’ di pochi giorni fa l’annuncio della sua, “probabile” cancellazione.

Ed il pensiero corre a dove potrebbero essere recuperate le risorse di copertura del gettito fiscale che verrebbe meno (6,5 miliardi circa).

Presto detto. La proposta di legge, a firma del deputato Roberto Caon, prevederebbe un aumento dell’accisa sui carburanti pari a 15 centesimi di euro al litro circa.

Ottima mossa, una tassa fissa verrebbe trasformata in una tassa variabile e quella che era un’imposta, per certi versi legata al reddito (la tassa di proprietà è calcolata sui cavalli fiscali dell’autovettura), sarebbe spalmata sull’utilizzo del mezzo andando a gravare pesantemente sul costo di mantenimento dell’auto.  La prima conseguenza negativa ricadrebbe su quei tanti lavoratori costretti a fare uso del mezzo privato per raggiungere il posto di lavoro con conseguente pesante incidenza sul reddito netto.

15 centesimi ai quali si dovrà sommare il 22% di iva su tutta la quota di accise di cui benzina e gasolio sono gravati. Una  tassazione di una imposta che, per quanto giudicata incostituzionale, continua a esistere contribuendo a posizionarci ai vertici europei per costo dei carburanti.

Per il Governo invece un effetto positivo si avrebbe potendo irrigidire ancor più il prezzo della benzina. Una quota così elevata di tassazione fissa sul prezzo dei carburanti attenuerebbe le flessioni negative del gettito fiscale in caso di riduzione del prezzo del petrolio e conseguentemente del prezzo alla pompa.

Un aiutino infine lo darebbero i petrolieri, sempre così in ritardo a adeguare i prezzi in discesa ma così rapidi a incamerarne invece l’aumento, completando la strategia della multinazionale “Inc.cool.8” che ha definitivamente sopraffatto Robin Hood, cambiato il target ma ne ha mantenuto il linguaggio.

L’automobilista si dimostra ancora una volta una risorsa inesauribile (72 miliardi circa di introiti dal settore auto); verrebbe da pensare che sia il  bancomat del governo.

A proposito, mi sembrava di ricordare che Renzi, nel 2014, avesse promesso l’eliminazione delle accise. Forse mi sbaglio, invecchiando la memoria viene meno.

________________

Video Altroconsumo:

https://youtu.be/5qzpIZawceE

   

.

  

  

Torna su