Cereali e dintorni. Dopo il momento di riflessione, ancora rincari.

cerealirid206_cibusSono sufficienti flebili notizie di una probabile carenza di farina che subito il mercato (leggi fondi di investimenti) scatenano una  reazione rialzista.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 24 maggio 2016 –


Ancora una chiusura di settimana contraddistinta da nuovi rincari:

Semi: Lug 1074,20 (+2,6) ago 1073,40 (+0,40 nov 1048,60 (-4)

Farina: Lug 92,70 (+14,6) ago 380,80 (+9) dic 366,60 (+4,2)

Corn: Lug 394,40 (+4,4) sett. 396,60 (+4,2)

Grano: Lug 467,60 (-1) sett 478,60 (-0,60) dic 496,40 (-1)

I fondi non allentano le prese e sfruttano le notizie provenienti dal Sud America per giocare al rialzo:

“Tutto è giocato sulla possibile carenza di farina in Argentina e Brasile che dovrebbe far dirottare la domanda in USA- scrive Pellati Informa – . Secondo i fondi, il raccolto argentino di semi, la cui raccolta è anche in ritardo, sarebbe molto inferiore a quello stimato dall’USDA e avrebbe forti problemi di qualità. Pertanto la domanda del mondo si rivolgerà agli USA”. In apparenza una simile tensione non dovrebbe essere palesata poiché le cifre “ufficiali” della produzione argentina sono ben diverse. ma il Chicago Board, secondo Pellati Informa, ha imboccato con decisione una teoria contraria.

I segnali poco incoraggianti lasciano preludere un periodo incandescente sulla farina e sul seme che non mancherà di riflettersi sul Corn e sui derivati proteici.

In territorio domestico molte le preoccupazioni relativamente a questa progressione positiva, che dura ormai da 30 sessioni, della farina di soia e dei proteici. Per i cereali è da segnalare il rincaro del mais dovuti in parte anche problemi di natura logistica.

Per il settore bioenergetico si segnala la corsa alla semola umida e ai sottoprodotti per sopperire alla mancanza di mais “tossinato” sia in granella che in farina.

Indicatori internazionali 23 maggio 2016
l’Indice dei noli è sceso a 625 punti, il petrolio stabile a 48,00 $ e l’indice di cambio  è  sceso a 1,12292

_____________________________________________________________________


Mario Boggini
– esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

logo andalini

Torna su