Latte, benvenuti nel girone infernale

Latte-va-in-caldaiaI produttori di latte europei e quelli d’Australia e Nuova Zelanda sono accomunati dallo stesso destino: la chiusura delle stalle se industria e distribuzione non allentano la morsa dei prezzi.

di Virgilio Parma, 26 maggio 2016.

Nel mentre al ministero si tratta per impostare una soluzione alla crisi del settore lattiero caseario  con Alleanza delle Cooperative in testa (rappresenta il 70% della produzione made in Italy) da Bruxelles arriva l’ennesimo allarme sulla produzione UE.

Un +7,4% che non può certo far ben sperare per il futuro.  I deboli segnali positivi pervenuti dalla borsa merci di Verona potrebbero definitivamente infrangersi di fronte a questa nuova situazione.

A lanciare l’allarme è stato Paolo De Castro, coordinatore S&D per la Commissione agricoltura del Parlamento europeo, che ha puntato il dito sugli incentivi a sostegno del settore che sembra abbiano avuto l’effetto di incrementare la produzione invece di contribuire alla redditività aziendale. “Senza una risposta europea alla crisi e al crollo dei prezzi – ha commentato De Castro all’ANSA – la produzione di latte continuerà ad aumentare nell’Ue come sta avvenendo ora”. Le cifre parlano da sole: “nella campagna lattiera conclusasi lo scorso anno la produzione totale dell’Unione era aumentata del 2,5%, mentre nel primo bimestre 2016 é lievitata del 7,4%, con l’Irlanda a +35%”.

“Abbiamo bisogno di proposte legislative sulla gestione dell’offerta – prosegue il coordinatore S&D per la commissione agricoltura – come da tempo sostiene il Parlamento europeo in quanto – spiega – i 420 milioni di aiuti Ue che sono stati ripartiti tra gli Stati membri per lottare contro la crisi, rischiano di diventare in alcuni Paesi un incentivo ad accrescere la produzione”.

Ma se l’Europa del latte piange, non sono in una situazione migliore gli allevatori che stano dall’altra parte del mondo, in quella Australia e Nuova Zelanda, tanto lontane ma tanto vicine grazie alla globalizzazione

Proprio in questi giorni, anche nell’emisfero australe, il dibattito sul latte è infuocato e vede coinvolte le grandi cooperative di trasformazione, gli allevatori, la grande distribuzione e i consumatori che cominciano a domandarsi dove sia il latte fresco e cosa ci sia in quei contenitori di latte che, almeno nei brand premium, dovrebbero garantirne una determinata qualità.

E allora i social si infiammano al punto da mettere in difficoltà per superlavoro lo staff dedicato ai social media di una importante catena distributiva del New Galles del Sud (NWS capitale Sydney). Addirittura i consumatori arrivano a suggerire i marchi di qualità e a preoccuparsi per la sorte degli allevamenti locali (vedi link). Alcuni invitano la catena “fare la cosa giusta” e a non rendersi ricoli per pochi spiccioli, pur di salvaguardare la sostenibilità delle imprese agricole, dei loro conduttori, dei terreni e degli ammodernamenti necessari al buon proseguimento dell’impresa e ovviamente agli animali.

La polemica è così accesa da essere anche oggetto di pungente satira, non certamente benevola verso la catena di supermercati oggetto della attenzione sui social (Link Video tutto da ridere e il finale, anche per chi non conosce bene l’inglese è assolutamente comprensibile).

Il tutto nasce dalla corsa a abbattere i prezzi alla stalla, giustificando con una riduzione dei profitti rispetto alle previsioni e, come sostenuto dal vertice di  Murray Goulburn (il più  grande trasformatore australiano) la riduzione del prezzo ai fornitori si rende indispensabile in forza dell’eccesso dell’offerta  casearia mondiale che pesa sui prezzi. Il vertice infine si giustifica confrontando il colosso neozelandese FONTERRA  che il taglio al prezzo l’ha realizzato con costanza durante tutto il periodo della campagna lattiera, testualmente,  “In New Zealand, dairy giant Fonterra has cut the price it pays farmers throughout the season to deal with global conditions.”

Alla luce di questo, molto probabilmente, oltre a pensare a un controllo dell’offerta, l’UE, dovrebbe pensare a un piano strategico ben più impegnativo .

Dopo le “Quote Latte”, benvenuti nell’inferno del mercato globale.

 

Torna su