Agrometeo, primavera – estate 2016

Tornado-MO-apr2014-in- evidenzaDopo un finale d’inverno avaro di emozioni in sede italica, relativamente nella norma per quanto concerne il nord/est europeo, la primavera 2016 si sta rivelando, come in parte previsto, altamente instabile e fresca, con il quasi ormai automatico inserimento di basse pressioni nel bacino del Mediterraneo, accompagnate sovente da temporali, cali repentini di temperatura per infiltrazioni di aria fredda e anche la neve ed il gelo: episodi recenti di recrudescenza invernale si sono verificati in Germania, Polonia, Rep. Ceca, sul comparto russo/asiatico ed in particolare nei Balcani, dove il ritorno della neve( 7-10cm) ed intense gelate ha portato alla compromissione per il 90% del raccolto di lamponi.

Il comparto Russo/Asiatico è stato colpito da una serie di temporali davvero eccezionali per violenza e continuità, creando grossi disagi e danni a colture e vegetazione, il tutto accompagnato da temperature sotto la media del periodo. 

Il prosieguo settimanale sara’ caratterizzato da frequente instabilita’ sul centro/est Europa, mentre la porzione più occidentale conoscerà un po’ di caldo e stabilità grazie alla risalita dell’anticiclone africano, il quale, nel tentativo di ristabilire i valori pressori europei, coinvolgerà anche la penisola italica. Si tratterebbe comunque di un miglioramento non omogeneo sia in sede italica che europea. 

L’interesse e l’attenzione sono ora indirizzate verso l’inizio della stagione estiva e il suo possibile, probabile andamento, fattore di grosso interesse per molti settori economici. Come per ogni stagione, le divergenze previsionali non mancano, ma alcuni dati certi permettono di interpretare meglio il lento declino del Nino e l’avvento della Nina. 

immagine-1-atlantico-superficialeNell’immagine (1) si può notare un raffreddamento delle acque atlantiche, le quali risultano determinanti nell’influenzare il clima europeo. Le motivazioni legate a questo raffreddamento sono sconosciute, così come i moti marini che generano questa fenomenologia. Risulta, comunque, un dato da non trascurare in ambito previsionale, in quanto possibile generatore di seccature e frequenti temporali. 

Analizzando i modelli previsionali per la stagione estiva, colpisce l’insistenza nel prevedere un’estate particolarmente torrida nel comparto russo/asiatico, un trend che negli ultimi anni si sta ripetendo con una certa costanza. 

meteo-prev-giu-luglio-2016 (1)La maggior parte dei modelli, dunque, prevede un’estate particolarmente torrida in territorio russo e più in generale nell’Europa dell’est, con limitati apporti precipitativi se si escludono alternanza di rovesci negli stati confinanti con l’Europa centrale. Il resto del continente sembrerebbe destinato a vivere una stagione pressoché’ nella norma, con eventuale alternanza di caldo relativo ad invasioni dell’anticiclone africano e seccature atlantiche foriere di temporali, i quali potrebbero risultare particolarmente forti in nazioni quali Germania, Polonia, Ucraina, Bielorussia oltre che al Regno Unito. 

La penisola Iberica risulterebbe la zona più calda e con meno apporti precipitativi, mentre per l’Italia si potrebbe prospettare un trimestre con alternanza di sole e perturbazioni spazza-caldo, soprattutto per quanto concerne il mese di agosto.

Si tratta, comunque, di uno scenario ancora provvisorio, vista l’elevata distanza temporale. Ciò che è invece assodato è la débâcle del Le Nino, il quale in questi giorni sta sviluppando le sue ultime fasi d’influenza sul clima europeo, prima di lasciare spazio alla Nina.

La Nina, al pari del Le Nino, è un evento climatico oscillante con caratteristiche assai differenti. Entrambi prendono origine dalle variazioni di pressione e temperatura sull’Oceano Pacifico, costituendo una forma di scambio di calore tra l’atmosfera e l’oceano. La Nina è caratterizzata da un’anomalia termica negativa (0.5/2 C) delle acque superficiali oceaniche pacifiche, di durata 1/3 anni, la quale determina una modificazione climatica, in primis per quei paesi che si affacciano direttamente sull’oceano.

La-NINA-impattoL’influenza che questo fenomeno può avere in sede europea non è stato ancora del tutto chiarito, tuttavia è stato notato che durante la Nina si verificano fasi siccitose sull’Europa sud occidentale nel periodo autunno-inverno. Se l’estate sarà calda o fredda sarà indipendente dal fenomeno, anche perché’ durante questa fase la sua influenza sara’ praticamente nulla.    

Il passaggio tra le due fasi climatiche risulterà davvero spettacolare, sia per quanto riguarda le modalità che per le conseguenze, in termini di raffreddamento globale.

Il tutto verrà accompagnato da un potente rinforzo degli Alisei, i venti più strutturati nel nostro emisfero. 

Fonti: Elaborazione Manuele Corti

 www.3bmeteo.com

www.meteolive.it

www.meteogiornale.com

www.freddofili.it

www.meteoservice.com

Torna su