Ismea. Vino, tendenze e dinamiche recenti

1 barbera uva con marciume_gde_cibusCon luglio è stata archiviata anche la campagna 2015/2016, mentre tutto il settore ha lo sguardo attento sulla vendemmia che sta prendendo già il via in alcuni areali della Sicilia.

Da tener conto che la produzione del prossimo autunno dovrà essere messa a confronto con quella piuttosto abbondante del 2015 che, stando a dati Istat, ancora provvisori, ha superato del 14% quella dell’anno prima. Questo risultato colloca al primo posto l’Italia nel ranking dei produttori mondiali, superando la Francia, ferma a 47,8 milioni di ettolitri. Per la vendemmia che sta iniziando, ma che avrà il suo apice come sempre a settembre, le aspettative sono piuttosto ottimistiche nonostante le incertezze derivanti gelate tardive e dai problemi fitosanitari che hanno colpito alcuni zone.

Ancora troppo presto però per dare delle indicazioni numeriche che, invece, saranno prodotte da ISMEA grazie all’indagine di metà Agosto i cui risultato verranno diffusi dall’Ente nell’ambito della sua partecipazione all’Osservatorio del vino, nella prima settimana di settembre.

Ma al di là del primato “statistico” 2015, questa maggior produzione ha da subito condizionato negativamente i listini soprattutto nel segmento dei vini comuni, che proseguono in direzione opposta rispetto a quella dei vini di pregio.

(ismea 4 agosto 2016)

Ismea-Vino-prezzi

Torna su