Ambiente. Rainieri (LN) denuncia attacchi di lupi e ibridi.

Il consigliere chiede che si assumano iniziative per evitare nuovi episodi di aggressione all’uomoFabio-Rainieri-LN-IMG_3865

Fabio Rainieri (Ln), in un’interrogazione rivolta alla Giunta regionale, riferisce che si sarebbero verificati “numerosi attacchi di lupi e ibridi ad aziende, con forte intensità nella provincia di Parma, in particolare nelle valli del Taro e del Ceno”. Si tratterebbe, a parere del consigliere, di “un’emergenza diffusa che richiede urgenti misure preventive e di contrasto”.

Nei giorni scorsi, inoltre,- scrive Rainieri- si sarebbe “registrata l’aggressione di un lupo/ibrido ad un allevatore che non ha riportato seri danni solo grazie all’intervento dei suoi pastori maremmani intervenuti per difenderlo, rimanendo feriti”.

“Un fattore di minaccia per la conservazione del lupo- spiega- è infatti rappresentato dall’ibridazione cane-lupo, che costituisce un grave pericolo sia per motivi sanitari sia per questioni di convivenza, in quanto questi esemplari sono responsabili di attacchi a cani domestici che a cani da caccia, come denunciato anche dal mondo veterinario”.

Il consigliere ricorda anche che “il lupo (canis lupus) è una specie protetta sia a livello nazionale sia a livello europeo con la direttiva 92/43/CEE ‘Conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche’, che vieta qualsiasi forma di cattura o uccisione deliberata sulle specie” e segnala che “sarebbe in fase di approvazione da parte della Conferenza Stato-Regioni il “Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia”, proposto dal ministro dell’Ambiente, che definisce azioni di salvaguardia della specie e minimizzazione del suo impatto sulle attività dell’uomo, prevedendo inoltre deroghe al divieto di rimozione di lupi dall’ambiente naturale in casi di necessità”.

Rainieri chiede quindi all’esecutivo regionale quali iniziative intenda assumere per evitare che si verifichino nuovi episodi di aggressione all’uomo, se vi siano a livello regionale interventi di monitoraggio, prevenzione e contrasto del fenomeno d’ibridazione e quali siano i tempi di conclusione e presentazione del Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia.

(Fonte Regione Emilia Romagna 17 agosto 2016)

Torna su