Monsanto accetta l’offerta di Bayer. 66 miliardi $

monsanto-bayerdi LGC – Parma 14 settembre 2016 – Alla fine Monsanto ha ceduto alle lusinghe di Bayer dopo l’offerta di 66 miliardi di dollari. Una operazione di “super fusione” tra due colossi della chimica, l’ennesima dopo la sequenza scatenata dalla stessa Monsanto, quando “chiese la mano” di Syngenta che rifiutò per poi accettare l’offerta della multinazionale China National Chemical Corporation (ChemChina), la stessa che controlla la Pirelli,  per 43 miliardi di dollari.

Un fallimento che, oltretutto, nel 2015 mise in fibrillazione tutto il segmento della chimica “agricola”  che nel giro di pochi mesi ha visto realizzarsi anche l’accordo tra le due multinazionali statunitensi DuPont e Dow Chemical. Infine lo scorso lunedì 12 settembre le due aziende canadesi Agrium e Potash Corp di Saskatchewan hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per creare la più grande società di fertilizzanti al mondo.

Bloomberg ha stimato che se l’antitrust dovesse autorizzare la fusione tra Bayer e Monsanto si realizzerebbe una concentrazione d’offerta che potrebbe coprire oltre il 30 per cento del settore dei cosiddetti input agricoli (che comprende semi, fertilizzanti e agrofarmaci) che sarebbe quindi in mano alla tedesca Bayer.

Senz’altro un buon affare per la Monsanto che, nel caso il giudizio dell’antitrust fosse negativo, riceverebbe una commissione tra 1,5 e 2 miliardi di dollari.

Torna su