Caccia. Pompignoli su piano venatorio: non contrapporre agricoltori e cacciatori

caccia-paleolitico-superiore-grotte-lascaux-frIl consigliere della Lega vuole anche sapere quando sarà riformata la legge regionale sul settore. Caselli: obiettivo massima collaborazione possibile

Durante l’informativa dell’assessore Simona Caselli sul piano faunistico venatorio regionale in seconda commissione Bilancio dell’Assemblea legislativa, Massimiliano Pompignoli (Ln) ha ammonito la Giunta a non contrapporre gli agricoltori ai cacciatori, come a suo avviso avvenuto per talune previsioni contenute nel Calendario venatorio regionale, dato che una gestione venatoria efficace va a vantaggio dell’attività agricola. Inoltre, ha chiesto quando la Giunta affronterà la riforma della legge regionale sulla caccia e quale sia l’orientamento politico in proposito. Infine, ha invitato la Regione a contrastare il preoccupante calo del numero dei cacciatori, a partire da una revisione dei costi dell’attività venatoria.

L’assessore Caselli ha risposto che l’obiettivo della Regione è la massima collaborazione possibile fra cacciatori, agricoltori e ambientalisti, dato che la gestione di un ecosistema è attività complessa. Il problema del calo del numero dei cacciatori e della loro età sempre più elevata – ha sottolineato – è connesso anche con un cambio di cultura e di connotazione della pratica venatoria, utile all’ecosistema perché la difesa dell’ambiente passa anche attraverso la caccia.

(Luca Govoni)

Torna su