Politiche europee, un “new deal” per l’agricoltura

eima-pad-cinaNel corso del convegno politico dal titolo “Macchine per l’agricoltura: una nuova agenda europea” l’associazione dei costruttori europei di macchine agricole CEMA ha chiesto una revisione delle regolamentazione comunitaria in materia, con norme e requisiti tecnici non più derivati dall’automotive ma specifici per l’agromeccanica.


Un “New Deal” per il settore agro-meccanico, con politiche e strategie di ampio respiro, pensate per rafforzare la competitività dei costruttori europei, e per promuovere l’utilizzo di tecnologie innovative da parte degli agricoltori europei. Questa la richiesta lanciata dall’associazione dei costruttori europei di macchine agricole CEMA nel corso del convegno dal titolo “Macchine per l’agricoltura: una nuova agenda europea” svoltosi nella giornata inaugurale di EIMA International.

I costruttori europei – ha spiegato il presidente del CEMA, Richard Markwell – possono vantare una posizione di leadership nel mondo sia come volumi di produzione sia come innovazione. Tuttavia, con un tasso di rinnovamento pari ad appena l’1,7% annuo, il parco macchine del continente accusa una situazione di “ritardo tecnologico”. Il gap è dovuto in primo luogo al calo dei redditi agricoli e al sottodimensionamento delle aziende che operano nel settore primario, e questo si combina con le difficoltà delle industrie costruttrici di macchine, alle prese con normative e prescrizioni comunitarie che determinano un sensibile incremento dei costi di produzione. Si tratta infatti di regole stabilite originariamente per l’automotive e poi estese all’agromeccanica, quasi per analogia, come se i due comparti rispondessero alle stesse logiche e ai medesimi trend.

Sottovalutare le specificità della meccanica agricola, tanto più in uno scenario caratterizzato da una concorrenza serrata – ha spiegato Markwell – significa indebolire la posizione dei costruttori e degli stessi produttori agricoli. Per questo è necessario puntare su politiche di ampio respiro, a lungo termine, declinate sulle esigenze del settore agromeccanico e sulle esigenze delle imprese agricole che le utilizzano. In questo scenario la “PAC 2020” può, con meccanismi di finanziamento adeguati, rappresentare un’importante leva per incentivare il ricorso a mezzi agricoli di ultima generazione.

(Fonte Eima 9 novembre 2010)

Torna su