Degustando enologica

enologica-1#enologica #vino Appena conclusa l’edizione di Enologica per il 2016 e si contano le presenze che sono state 5.000 e dove grazie al lavoro di ENOTECA REGIONALE EMILIA ROMAGNA e delle Cantine presenti, si è potuto mostrare all’Italia tutta la grande qualità di Regione Emilia Romagna.

Di L’Equilibrista Bologna, 21 Novembre 2016  – Il mio tour parte e tocca diversi produttori, sono mosso da curiosità e conoscenza delle zone e dal packaging inconfondibile di alcuni di loro che uniscono qualità a leve di marketing che ad oggi sono fondamentali per la buona riuscita di una bella bottiglia.

Degno di nota ma ci ha abituato ormai è Cantina Merlotta con il suo Albana 2015 Fondatori, che si è distinto per equilibrio, persistenza e coerenza fra profumi al naso e gusto, cosa fondamentale per questi bianchi di struttura che devono confermare sempre quanto di bello fanno vedere e quanto di buono possono offrire al palato. Proseguo il mio viaggio sui bianchi e mi butto a capo fitto su Monticino Rosso perché Codronchio va fatto sentire anche ai miei ospiti di Roma che non possono trovare una cosa simile nella Capitale.

Le sopraciglia si inarcano per lo stupore, gli sguardi si fanno complici e il gusto ha già decretato che fra le annate in degustazione, la 2014 e la 2013 è soprattutto la 2010 a domostrarsi l’annata migliore delle tre tanto da valorizzare al meglio questo Albana forgiato da vendemmia tardiva e sapiente gestione della botrytis che regala equilibrio senza pari e sentori di nespole, mandorle, nocciole e arancie candite che si trovano al palato in modo strutturato e avvolgente con un finale lineare ed elegante mai esagerato.

Tocco di sfuggita la cantina Quinto Passo forse perchè voglio godere ancora del sentore amandorlato, della sua struttura e del ricco bouchet che mi regala questo metodo classico e quindi decido di degustare il Rosè cento per cento Sorbara che trovo bello persistente in bocca e avvolgente  come speravo ma mi faccio coccolare ancora dalla Cuvee paradiso perchè la sua fragranza di frutto croccante mi mancava ed ora poso proseguire con il sorriso. Tanto dove andrò ora il sorriso non serve perchè già Lui mi accoglie con la bocca spalancata di gusto e contentezza perchè sa di avere un grande prodotto e di non temere niente…parliamo di Podere Morini e dei magnifici Augusto e Nonno Rico Sangiovese di Romagna. L’Augusto viene prodotto da uve autoctone Longanesi, vitigno presente solo nel vicinato tanto da poter essere paragonato ad un cru per la sua limitata produzione e con una qualità eccellente, grande corpo e profumo, vino da accompagnare a carmi della zona e succulente preparazioni che lo portano a livello di eccellenza su molte guide internazionali. Nonno rico è il sangiovese che avevo in mente quando vedevo da bambino queste terre di sole e gente per bene, infatti è genuino e ricco, persistente mai ruvido ma non rufiano , sincero e centrale in bocca , profondo e dal profumo di fiori e frutta che restano in vivi a lungo.

Lascio che il labbro si distenda dopo averlo tenuto all’insù pensando alla qualità di questo prodotto e mi faccio largo per vedere qualcosa di nuovo e decido che sia ora di degustare una cantina che mi incuriosisce..Tenuta Saiano e fra le tante cose che sento mi colpiscono molto il Saiano Rubicone igt per la sua eleganza e pulizia in bocca. Qui non c’è più il bonario sorriso romagnolo ma c’è uno stile elegante e molto fine, dal tannino integrato nel vino con un frutto ben calibrato in bocca ed una alcolicità adeguata alla sua vivida persistenza. Questo vino presenta la sua voglia di essere diverso da solito e porta con sé uno stile d’oltralpe quasi da farlo sembrare un cugino in visita in Romagna. Pensando di avere capito l’impostazione della cantina, ne sono poi del tutto convinto quando sento l’ultimo prodotto di giornata, ovvero il loro Vermouth che sia nella versione Clementino che Demos esibisce tutta la forza dell’infusione di aromi e di sapori che ritornano con gradevole grazia e presenza e si ritrovano arancio e scorze essiccate, dolci frutti di chinotto, ginger e canditi freschi.

L’evento che da sempre vede Bologna ospitare Enologica e fare da capitale della degustazione Emiliano Romagnola, è stata capace di radunare sotto la guida di Enoteca Regionale Emilia Romagna, cantine di grande pregio che nei tre giorni di lavori (19, 20, 21 Novembre) hanno portato lustro alla viticoltura emiliano romagnola nella splendida cornice storica di Palazzo Re Enzo proprio a fianco dei recenti restauri del celeberrimo Nettuno nella omonima Piazza.

Pierluigi Sciolette – Presidente ed Ambrogio Manzi – direttore di Enoteca regionale, hanno dimostrato la centralità di Enologica come punto di riferimento per appassionati ed operatori del settore nell’ambito della enologia regionale e che ha portato valore sia alla manifestazione che al personale intervenuto così numeroso quest’anno. Con essa cambiano anche gli strumento di diffusione nella degustazione e quindi via libera alla nuova applicazione “Via Emilia wine and food” con la quale si può scoprire l’Emilia Romagna attraverso otto pulsanti di navigazione che guidano l’enogastronauta verso enogastronomia, patrimonio artistico e culturale, territorio, attrazioni ed eventi collegati alle città della Via Emilia.

La mia e la nostra fortuna credo sia sempre il palato, indiscusso ed esigente decisore del gusto e della qualità dei vini tanto da scansare via qualsiasi marchingegno elettronico dando invece spazio alle papille ed alla fine percezione delle persone. La tecnologia resta fondamentale per aiutare e veicolare ma il gusto e la conoscenza restano patrimonio comune e vero elemento di distinzione.

ipp

(L’Equilibrista)

Torna su