Cereali e dintorni. Mercati ancora volatili. Oggi gli attesi dati USDA.

Cereali verso cielo_cibusVolatilità ancora accentuata in questo inizio d’anno difficile e confuso. I dati provenienti dall’USDA di questa sera potrebbero attenuare l’incertezza che i mercati manifestano in questo periodo a cavallo dell’anno.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 12 gennaio 2017

Il mercato continua a mantenere una forte volatilità speculativa.  Nella serata di martedi, ia fronte di stime ufficiali del raccolto Brasiliano previsto prossimo a104 milioni di tonnellate anziché le stimate 102 dell’Usda di dicembre, i valori della soia sono cresciuti. Una motivazione potrebbe essere  la vicinanza dei dati USDA e comunque una certa prudenza dei fondi.

Il mercato resta sopra i 1000 punti per il seme e i 300 dollari per la farina. I fondi difendono le loro posizioni lunghe.

Una panoramica sui prezzi registrati martedi sera: farina di soya proteica partenza porto, 367 pronta, 364 per il febbraio-dicembre 2017, e 359 per il gennaio dicembre 2018, la normale 8 euro in meno, girasole proteico a 194, per il pronto e 195 per il gennaio marzo 17, il girasole normale a 150/148, il mais al porto a 180, il grano zootecnico al porto 185. Mercato dei cereali sui silos interni sempre più tenuto stante la carenza di merce per i soliti problemi logistici.

Ben solido il mercato delle farina di soya convenzionale.

Intanto i mercati dei cereali esteri registra un momento di stasi per il mais e di tensione per i cereali autunno vernini, colpiti dal gelo e privi della protezione del manto nevoso.

Mercato delle Bioenergie: prosegue la ricerca sempre più improbabile di mais tossinato. Un momento particolarmente molto condizionato dal mercato dei cruscami e che risente di carenza di merce sia al nord, per il calo del lavoro dell’industria molitoria, sia per gli scarsi arrivi dal sud Italia connessi  ai problemi legati alla viabilità.

Un inizio anno tutt’altro che facile nonostante la ricchezza di commodities e consumi internazionali in linea con le aspettative ma distribuiti in modo difforme per macro aree geografiche.

Indicatori internazionali 11 gennaio 2017
l’Indice dei noli è sceso a 926 punti, il petrolio è attorno a 51$/bar e l’indice di cambio segna 1,05123.

logo andalini

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Torna su