Cereali e dintorni. A volte, quasi sempre, i Fondi ritornano.

Nonostante manchino elementi turbativi di mercato, sembra invece profilarsi una tendenza che replichi l’andamento dello scorso anno. Nessun imprevisto ma solo i Fondi d’investimento che, dopo avere ripreso in mano le redini del mercato, son tornati a farla da padroni.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 17 febbraio 2017

Potrebbe quindi delinearsi una situazione che ricalchi lo scorso anno quando il mercato iniziò un trend al rialzo da marzo a giugno basato solo su elementi di  speculazione.

La base sembra cavalcare l’onda dell’ottimismo che intravede una ripresa Statunitense, almeno è quanto sta descrivendo l’andamento borsistico in costante crescita dalla elezione del nuovo presidente. A rafforzare il convincimento sono state anche le dichiarazioni della presidente della Federal Reserve che hanno dato un’ulteriore spinta verso l’alto dalle quotazioni spingendole ai valori di seguito riportati e riferiti alla chiusura di mercoledi scorso.

SEMI mar 1061,20 (+16,2) mag 1071,60 (+15,6) nov 1034.20 (+11,2)

FARINA mar 346,90 (+7,4) mag 351,10 (+7,2)

OLIO mar 32,94 (-0,20) mag 34,22 (-0,19)

CORN mar 378,60 (+4,4) mag 386,00 (+4,2)

GRANO mar 454,60 (+5,2) mag 468,20 (+4,6) lug 480,00 (+4,4)

Una fotografia apparentemente poco reale in virtù del fatto che non vi è penuria di merce e i consumi restano stabili.

Ma a questo scenario occorre aggiungere altri rischi concreti che potrebbero riflettersi sui nostri terreni.   L’indebolimento dell’Euro con il rafforzamento del Dollaro e le incertezze stagionali sulla penisola che potrebbero evidenziare qualche sorpresa sui piani di semina, soprattutto nel campo maidicolo.

Le incognite che potrebbero intervenire da calmiere sono rappresentate da:

capacità di stoccaggio dei prossimi raccolti cerealicoli;

sui proteici i rischi potrebbero derivare da ipotesi di ritorsione paventate da alcuni Stati a seguito dell’atteggiamento protezionistico degli USA (vedi Messico che ha già iniziato a spostare il suo baricentro d’acquisto in campo dei cereali).

In questo scenario non è certamente facile muoversi, specie nel medio lungo termine.

Indicatori internazionali 16 febbraio 2017
l’Indice dei noli è sceso a 688 punti, il petrolio è attorno a 53,0$/bar e l’indice di cambio segna 1,055.

(resta sempre informato sull’argomento consultando la nostra sezione Agroalimentare)

 

logo andalini

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Torna su