CAP –  al via in città e provincia il tour delle degustazioni di vini

Consorzio Agrario di Parma, al via in città e provincia il tour delle degustazioni di vini. 

Tra novità stagionali di prodotto e consigli utili per le diverse fasi di imbottigliamento iniziano gli assaggi di vini provenienti da tutto il paese. Uno degli appuntamenti CAP più seguiti da soci e interessati

Parma (Martedi 27 febbraio 2017) – Inizierà con leggero anticipo rispetto agli anni scorsi l’ormai consueto e particolarmente seguito appuntamento annuale del Consorzio Agrario di Parma con le degustazioni delle più attese novità enologiche stagionali provenienti da tutta Italia e con evidente attenzione alle qualità di vini di filiera locale. Quest’anno il CAP ha anche incrementato il numero degli incontri sul territorio e – oltre alle degustazioni presso la sede Agenzia di Città in strada dei Mercati – ha aggiunto due rendez-vous in provincia per facilitare gli interessati: il primo ha aperto il ciclo a Fornovo (presso la locale Agenzia) Martedì 21  e il secondo a Pilastro di Langhirano è previsto per Sabato 4 Marzo. Gli appuntamenti cittadini invece, sempre presso la sede Agenzia di Città, sono stati programmati per Sabato 11 Marzo e il seguente Sabato 18 Marzo. In queste giornate gli interessati alle novità enologiche potranno porre agli esperti presenti quesiti e ottenere consigli pratici sulle diverse tipologie di vino e sulle diverse fasi di imbottigliamento del vino. Solitamente con la luna in fase calante, si da il via al lavoro di imbottigliamento dei vini più secchi attraverso esempi pratici di come, con tempo più mite e in mancanza di vento, si possa iniziare a fare ciò che facevano i nostri nonni con i vini soprattutto provenienti dal nostro territorio; ovvero tenere il livello del vino a circa otto centimetri al di sotto del tappo,  posare i vini abboccati in vetro con aspetto perfettamente limpido e non in stato di fermentazione, mai bagnare il tappo di sughero con il vino, oliare e ripristinare l’oliatura dei tappi 24 ore prima dell’utilizzo e non tenere per troppo tempo il vino in damigiana, soprattutto quello dolce, per evitare complicazioni dovute all’eccesso di fermentazione. “La qualità del nostro agroalimentare – ha commentato in sede di presentazione dell’iniziativa il presidente del CAP Giorgio Grenzi è tangibile nei prodotti, ma anche nei servizi concreti e utili che un Consorzio come il nostro riesce a fornire quando serve a soci ed interessati. Il momento delle degustazioni per esempio è uno dei più seguiti, esempio pratico di come le domande degli interessati e le risposte dei nostri esperti consentono di comprendere meglio il prodotto incrementandone il valore“.

(Fonte Ufficio Stampa Cap

L’immagine fornita dal Consorzio Agrario di Parma  è pubblicabile contiene immagine di minore con liberatoria fornita dai genitori presenti)

Torna su