Cereali e dintorni. Mercati esposti all’umore dei fondi. Timori per la siccità in Italia.

Situazione dei mercati ancora relativamente calma. Momenti di fibrillazione derivano dalle

rapide operazioni in acquisto o in vendita dei fondi. Timori per le riserve idriche nazionali che  potrebbero compromettere la produzione maidicola.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 21 marzo 2017

Continua la fase di relativa calma, tutti i dati di base sono buoni e le previsioni meteo pure ma i fondi ,con dei semplici Clik in acquisto o in vendita, influenzano enormemente l’umore dei mercati. 

Tanto è vero che lo scoperto del grano ha fatto un balzo a – 100.629 contratti da – 63.189 della settimana prima, quindi fortemente ribassisti. Il corn/mais ha visto un “corto” di – 23.602 contratti contro un “lungo” precedente di +80.081, quindi da rialzisti a ribassisti. Il “lungo” del seme di soya si è ridotto a + 98.354 contro + 127.638, quindi un po meno rialzisti. Il “lungo” della farina di soya praticamente non si è modificato di molto +59.944 contro + 61.533 e invece hanno abbandonato le posizioni lunghe dell’olio.

Nella seduta di lunedi sono ricomparse le vendite e il mercato ha chiuso con modesti segni negativi fatta eccezione per l’olio. Per poter esprimere giudizi più attendibili occorrerà attendere la posizione definitiva della amministrazione Trump in merito al ventilato taglio dei sussidi all’agricoltura con conseguenze immediate poco immaginabili. 

In linea generale il mercato potrebbe/dovrebbe scendere ma i giochi sono nelle mani dei fondi che hanno liquidità e rapidità di movimento ben superiori allo scambio fisico di prodotto. Occorrerà quindi agire sui futuri con la loro stessa velocità quando questi arriveranno a prezzi ragionevoli. 

Nel mercato interno regna calma, anche se fuoco sotto la cenere ne cova.

Il settore delle bioenergie è in fermento per gli approvvigionamenti stante il fatto che le trincee cominciano a svuotarsi. Il calo dei cruscami di grano sembra terminato e probabilmente inizierà una fase ascendente che perdurerà sino a tutto aprile.

Continua a perdurare la minaccia derivante dalla scarsità di riserve idriche che potrebbe influenzare specialmente il mercato del mais, per il quale si prevede una riduzione di areali di semina dal 3 al 5%. Di Mais non ne mancherà di certo nel mondo ma una minore produzione interna di trinciato potrebbe compromettere i conti delle bioenergie prima e quello della zootecnia, basata sull’auto approvvigionamento, subito dopo.

Indicatori internazionali 21 marzo 2017
l’Indice dei noli è risalito nuovamente a 1205 punti, il petrolio è attorno a 48,00$/bar e l’indice di cambio segna 1,07635.

(resta sempre informato sull’argomento consultando la nostra sezione Agroalimentare)

 

logo andalini

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Torna su