Formaggio contraffatto. Scoppia la grana dei DOP.

“Fraudolenta produzione e commercializzazione, nonché contraffazione di ingenti quantitativi di formaggio…” è l’accusa mossa dal PM di Reggio Emilia.

di Virgilio Reggio Emilia 22 marzo 2017 –

Dalla procura di Reggio Emilia pesantissime accuse mosse a 27 indagati e tra loro ben 12, “gravitanti   intorno alla Nuova Castelli spa”, sono accusati di associazione a delinquere.

L’accusa mossa dal sostituto procuratore Maria Rita Pantani parla di utilizzo di latte per la produzione di formaggio atto a divenire Parmigiano Reggiano DOP e Grana Padano DOP contenente residui di antibiotici, aflatossine, “nonché immettevano nella panna della soda (idrossido di sodio)”.

Il caso, che prende origine dal sequestro di 7000 forme nel 2015 da parte dei Carabinieri, nonostante  circoscritto a operazioni legate, direttamente e indirettamente, alla “Nuova Castelli spa”  trascina nell’inchiesta le due più importanti DOP del nostro Paese con presumibile grave danno di immagine anche in ragione del fatto che la società reggiana è leader nell’esportazione dei due prodotti.

Prende molto in largo l’indagine della procura di Reggio Emilia. Infatti, tra i 27 indagati sono coinvolti nell’inchiesta anche due rappresentanti di vertice dei due Consorzi di Tutela ma anche semplici casari, espertizzatori e  responsabili commerciali come  dettagliatamente esposto nell’articolo di Benedetta Salsi che, dalle colonne del Resto Del Carlino, ha dato per prima evidenza alla notizia.

Torna su