Aceto balsamico di Reggio Emilia da elisir di lunga vita a icona di stile. Acetaia San Giacomo, una storia di successo.

Aceto Balsamico di Reggio nell’Emilia, nato come elisir di lunga vita, oggi icona di stile emiliano non replicabile altrove. Andrea Bezzecchi – la sostenibile esistenza dell’essere tradizionale DOP

Di L’Equilibrista Novellara, 27 Marzo 2017 –

Da anni seguo Acetaia San Giacomo come appassionato e ho sempre cercato di carpirne l’essenza e la sua geniale intuizione. Il segreto è semplicemente nella qualità del prodotto che ormai ha varcato i confini europei andando a toccare i mercati americani ed asiatici, creando delle vere e proprie passioni nelle persone che conoscono e si rapportano con la proprietà, tutta rigorosamente reggiana di questa ormai famosa Acetaia.

L’altro ingrediente è la qualità delle persone che lavorano con il cuore e che dispensano sogni in cui credono fermamente.

In un passato recente il proprietario Andrea Bezzecchi si è dimostrato aperto a tutto e tutti, in modo lungimirante e critico, tanto che ad oggi l’Acetaia San Giacomo ha sviluppato prodotti innovativi, come una deliziosa gelatina al balsamico adatta ai formaggi a pasta molle o semiduri e deliziosa su piatti di verdure cotte solo per fare alcuni esempi, senza tralasciare i condimenti cotti, ormai un must dell’alta ristorazione in Italia ed all’estero.

Quello che impressiona è soprattutto la grande voglia di sfornare idee con classe e qualità degne di nota, tanto che l’ultima trovata geniale porta l’attenzione ad una camera sensoriale per esaltare profumi e qualità dell’aceto balsamico.

Questa camera porta i sensi soprattutto olfattivi e visivi ai loro massimi e ne esaltano l’ingresso nel palato, soprattutto meglio quando si tratta di aceto balsamico tradizionale.

La qualità più spiccata è quella di non mostrarsi mai sordi o ciechi verso niente e nessuno, producendo qualcosa che abbia un accurato standard di qualità e mantenendo in modo maniacale le relazioni con il pubblico specializzato, affrontando platee di tecnici o panel degustativi in prima persona.

La difficoltà che si incontra continuamente è infatti quella di fronteggiare molto spesso ostacoli imposti dalla poca cultura che vanno a minare questo straordinario prodotto.

CONSORZIO ACETO BALSAMICO

Andrea Bezzecchi, 41 anni, proprietario di Acetaia San Giacomo e Presidente del Consorzio dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia, nel recente 1994 eredita dal Padre insieme al fratello Christian 110 botticelle che questi curava da sempre con grande e viva passione.

Una storia molto comune per la provincia emiliana soprattutto quando si parla di Reggio Emilia, dove è nato l’aceto balsamico, come citato anche nelle odi di Omero e nelle opere dedicate alla contessa Matilde di Canossa. Quello che va fuori dall’ordinario è che Andrea si laurea in giurisprudenza e che insieme al fratello che già lavorava, non ha pensato di vendere questo tesoro e fare cassa come si suol  dire, ma anzi tenerselo stretto e continuando gli studi, appassionandosi giorno dopo giorno alla produzione del balsamico, iniziandone a conoscere pregi vendendone le prime botticelle on-line.

Il ragazzo si laurea nel 2001 e la brillante carriera da avvocato è li che lo aspetta ma lui decide di prendere una strada che trasformerà la sua vita in modo radicalmente diverso. La paura di trasformare una passione in lavoro è evidente ma avendo chiaro che l’obiettivo è ed era quello di portare avanti una tradizione per consegnare il passato nelle mani di chi ne gestirà il futuro, inizia la sua salita. Si specializza nell’ambito enogastronomico con diversi titoli, diventando fra gli altri assaggiatore di Parmigiano Reggiano perché esiste un filo rosso che lega i due ambiti e che come riporta lui stesso: “Più li conosci, meglio li sai tutelare”.


Il percorso è duro ma in pochi anni riesce ad acquistare una corte del Cinquecento dove tenere le botticelle, che adesso da 110 sono diventate 700. E’ lui stesso ad ammettere che questo passaggio sia stato fondamentale ma che allo stesso tempo sia stata un’autentica follia, perché la ristrutturazione costò parecchio ed fu un bagno di sangue per due ragazzi giovani, ma d’altro canto sarebbe stato l’unico modo per non scendere a compromessi e d’altronde l’impostazione di un qualsiasi progetto per Andrea prescinde dal calcolo del guadagno: ”il successo economico deve essere la conseguenza di un’iniziativa fatta con passione e serietà. Ora, dopo 15 anni, posso dire di aver avuto ragione.”

Oggi, con lo scenario attuale, affermazioni come questa possono solo essere citate da esempio, perché laddove ci sono interrogativi e dove la gente si ferma a pensare e trova tempo solo per generare altre inquietudini, ci sono altri che decidono e vanno oltre, vanno a trovare le loro radici e conquistano i loro sogni.

 

Torna su