Cereali e dintorni. Prosegue la risalita della farina di soia ogm free.

Il mercato dopo i sussulti avuti post dati Usda è ritornato alla staticità. I fondi continuano ad essere

corti di coperture su tutte le merci, e questo potrebbe rappresentare l’unico vero rischio.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 15 maggio 2017 

Mercati ancora relativamente calmi anche a seguito dei risultati dell’USDA che avevano messo in leggera fibrillazione i mercati poi tornati a calmarsi quasi subito.

Difficilmente si assisterà a cali sensibili, anzi tutte le leve dei fondi sono pronte a sfruttare qualsiasi notizia rialzista e questo potrebbe avere inizio con il grano. Infatti i fondi al 9/05 hanno ridotto sensibilmente il loro corto, a fronte di problemi climatici che interessano la coltivazione.

I valori oggi 15/5 sono: un pronto per la farina di soya proteica a 336, partenza porto di Ravenna, e così sino a fine anno, mentre per il 2018 sono due gli euro da aggiungere, la 44 a circa 10 euro inferiore. Valori diversi invece per la farina di soya ogm free che vale 420 euro partenza silos interni. Il girasole proteico gira sui 190 euro partenza, mentre il girasole normale è in ripresa stante ormai la scarsità di merce e gira sui 60 euro partenza, ben tenuta la farina di colza.

Riguardo ai cereali mostrano ancora una leggera tensione per le voci che corrono sui danni da freddo sia in Europa che in altre parti del mondo produttivo. Una condizione che sta incidendo sui valori del grano da industria molitoria riguardo al nuovo raccolto e potrebbe ragionevolmente influenzare anche il mais, a meno che le quantità, qualità scadenti del grano da macina non alimentino il mercato zootecnico.

I cruscami di grano hanno iniziato lentamente a calare  a  causa della ridotta operatività di molti mulini e le varie disinfestazioni tipiche del periodo.

I consumi continuano ad essere “tiepidi” per la zootecnia e l’industria mentre si sono decisamente risvegliati per l’industria delle agroenergie (biodigestori) sempre a  caccia ai sottoprodotti.

Indicatori internazionali 15 maggio 2017
l’Indice dei noli è leggermente salito a 1014 punti, il petrolio è attorno a 49$/bar e l’indice di cambio segna 1,093392.

(resta sempre informato sull’argomento consultando la nostra sezione Agroalimentare)

 

logo andalini

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Torna su