Ma che splendidi alleati (2). L’anti-italiano

G7 Taormina – Gentiloni e Macron

Il “Salva Europa” Macron, tanto osannato da molti dei nostri politici, sta dimostrando di fare solo e esclusivamente gli interessi di Francia. … e i tedeschi collaborano con gli scafisti

di Lamberto Colla Parma 6 agosto 2017

Il 50% di una società non serve a nessuno, salvo che a farla andar male. La proposta  francese di lasciare “saldamente il controllo” del cantiere navale STX a Finmeccanica ma ripartendo equamente la quota capitale è inaccettabile per la corretta governance di una società, piccola o grande che possa essere. Inoltre non si comprende come possa di fatto esercitarsi il controllo di una società dove la proprietà è equamente divisa e soprattutto, ormai è accertato, gli interessi nazionali di Italia e Francia sono costantemente in conflitto.

Macron, questa divisione l’ha ancor più accentuata manifestando, sin dalle prime ore dal suo insediamento all’Eliseo, una vocazione nazionalistica alla “Trump” dimenticando il dettaglio di dover Condividere le regole del “Condominio Europa”.

Così, nel momento in cui il colosso italiano Fincantieri si aggiudica l’asta coreana per l’acquisto dei cantieri navali Stx, che sarbbe poi stata ripartita per il 66,7% tra un nocciolo di capitani d’industria italiani e il resto ai francesi, Macron sfodera la Golden Power e nazionalizza i cantieri ipotizzando uno sviluppo strategico militare.

Trascorrono pochi giorni e il “Salva Europa” interviene a gamba tesa anche in Libia convocando a Parigi, senza avvisare gli italiani, i grandi rivali libici, il generale Khalifa Haftar (che peraltro ha promesso di bombardare le navi italiane) – signore della Cirenaica – e il premier Hafez Al Serraj, dietro al quale c’è l’ultimo tentativo francese di fregarci petrolio e gas libici, proprio come ai tempi di Nicolas Sarkozy e della guerra a Gheddafi.

Meno apparente, ma per certi versi ancor più drammatico dal versante sociale, è l’atteggiamento francese impostato sul fronte dei profughi. Opposizione dura all’accoglienza e respingimento alla frontiera di Ventimiglia ma, quel che è peggio, la complicità o quantomeno l’indifferenza, come prove fotografiche hanno evidenziato, dei militari francesi in Africa che avrebbero visto transitare almeno 290.000 migranti diretti in Libia e quindi in Italia.

Macron, tanto osannato da molti dei nostri politici, sta dimostrando di fare solo e esclusivamente gli interessi di Francia, fregandosene ben bene degli accordi pregressi, (vedi Hollande su Fincantieri e Stx), chiudendo le frontiere all’accoglienza, lasciando transitare per il centro africa i profughi diretti in Italia attraverso la Libia, muovendo azioni non concordate sulla delicatissima questione politica libica.

Questa è l’Europa! Noi invece lasciamo scorribandare il patron di Vivendi in lungo e in largo tra TIM e Mediaset come meglio vuole, anch’egli, in barba agli accordi siglati (vedi con Mediaset) o alle regole di coordinamento.

Come avrebbe reagito il Macron di turno nel caso fosse stato un Bolloré italiano a operare nello stesso modo in Francia?

Se qualcosa c’è da imparare dai francesi è il sentimento nazionalista che invece noi abbiamo dato in comodato d’uso alla UE e ai suoi Uemanoidi.

Intanto la tedesca Iuventa collabora con gli scafisti e riporta i barconi vuoti in terra libica. “Ma come sono umani loro” (direbbe il mitico Fantozzi)

    —————-&—————

(per seguire gli argomenti “Editoriali” clicca qui)

Torna su