l’azienda presenta il proprio curriculum: la Conoscenza Condivisa entra in azienda e le persone sono felici

La Conoscenza Condivisa entra in azienda e le persone sono felici. Avvertono dentro di sé che qualcosa è cambiato, respirano un’aria nuova, sentono di lavorare sereni e immersi in un diffuso stato di benessere che li gratifica e li rende partecipi di un disegno organizzativo collettivo nel quale si ritrovano per identità e senso di appartenenza.

di Guido Zaccarelli Modena 14 gennaio 2018 – Il senso di appartenenza è una dimensione fondamentale per l’uomo che lo riporta alle sue origini sociali, di vita di relazione, vissute all’interno delle comunità dove regnava la cooperazione prima che la dominazione prendesse il sopravvento. Luoghi sereni e sicuri in cui ritrovare se stessi in ogni circostanza per affrontare le difficoltà del momento.

Il senso di appartenenza, che potremo definire come «il significato vero che le persone attribuiscono all’unità di misura dello stare insieme.» Stare insieme nel benessere, ha un valore personale e sociale unico e inestimabile, consente di dare il meglio di sé in qualsiasi luogo, momento o circostanza, in modo naturale e spontaneo, senza pregiudizi di sorta.

“Lo scopo è lavorare in un ambiente felice”. Anche le aziende devono dare prova di sé e dell’impegno assunto, non solo nei confronti del mondo che lo circonda ma anche di quello interno, scrivendo il curriculum nel quale riportare e rendere pubblico il contesto dove le persone lavorano e l’impegno assunto nel promuovere il valore delle persone.

“Il curriculum, non solo per le persone ma anche per le aziende: una relazione alla pari”. Si profila in questo modo la nascita di una nuova linea di credito e di apertura verso un modo differente d’intendere la relazione di fiducia tra l’imprenditore e il lavoratore, “il protocollo della conoscenza condivisa”, in grado di generare un sistema di credenze “senza linea di confine” aperto al dialogo e al confronto dialettico volto a rendere attrattiva la permanenza del lavoratore e favorire il grado di attrattività per l’inserimento di nuovi collaboratori.

Un cambiamento irrinunciabile a cui le aziende devono tendere nell’immediato futuro, per effetto dell’evoluzione dei tempi, che non premia solo la quantità in riferimento alla redditività d’impresa, ma sopra ogni cosa, il valore aggiunto associato alla qualità dei prodotti realizzati dai dipendenti che sostengono con la volontà del fare l’azienda nel loro difficile compito di fare impresa. Tutto questo nasce dalla consapevolezza dell’imprenditore che vede innanzi a se un futuro altamente tecnologico, dove l’attore principale non sarà solo la tecnologia, ma le persone senza le quali non sarà possibile raggiungere gli obiettivi predeterminati.

Sono imprenditori che si muovono sulla base dei risultati economici ed etici che desiderano raggiungere dalla propria comunità aziendale, come espressione di un bene sociale da coltivare e sviluppare nel tempo. Un modello di riferimento a cui ispirarsi per farlo rientrare nel linguaggio comune: “in questa azienda le persone sono felici, vieni a scoprire il perché”, consolida la presenza del lavoratore e facilita l’inserimento di nuove entrate.

Per conseguire questo scopo serve la Conoscenza Condivisa.

Cos’è la Conoscenza Condivisa di cui tanto si parla?: “La Conoscenza Condivisa è il nome che identifica il comportamento delle aziende che mettono la persona al centro dell’organizzazione, é la presa cosciente dell’innesto di una nuova consapevolezza: per vincere le sfide offerte dalla globalizzazione le aziende devono creare al loro interno luoghi di lavoro felici dove le persone condividono in forma paritetica la conoscenza”.

Come mai serve un nome per identificare il comportamento di una azienda, di un imprenditore che valorizza i suoi dipendenti?. Perché se diventa facile individuare un oggetto della realtà che ci circonda, un bicchiere, un gatto, è molto difficile definire e applicare un modello culturale e portarlo a fattore comune in modo che tutte le persone si possano identificare. Assegnare un nome e prescrivere delle regole facilita l’adesione collegiale e facilita la messa in pratica, una volta entrato nella dimensione quotidiana.

Il Protocollo della Conoscenza Condivisa è un insieme di regole condivise all’interno dell’azienda, a cui possono aderire al¬tre realtà aziendali per creare una rete di aziende che agiscono sulla base degli stessi valori. L’intento è di favorire la realizzazione di una rete della Conoscenza Condivisa per allargare e rendere comune il dialogo tra le persone dell’organizzazione per agevolare un confronto diretto e leale, sostenuto dalla fiducia reciproca e dal dono della gratuità. Il lavoro è lungo e difficoltoso. Se non partiamo non daremo mai a noi stessi la possibilità di tagliare il traguardo prima degli altri, per cambiare una realtà che ormai non ci appartiene perché espressione remota di un tempo passato.

Mettiamoci in marcia e affrontiamo insieme le avversità senza attendere che qualcuno raggiunga il traguardo prima di Noi per decidere del nostro futuro.

GUIDO ZACCARELLI:
Bibliografia: Informatica, insieme verso la conoscenza (2010) – La conoscenza condivisa, verso un nuovo modello organizzativo (2012) – Finestre di casa nostra (2013) – Dalla piramide al cerchio, la persona al centro della azienda (2016)

Curriculum: Guido Zaccarelli è referente dl Servizio Informativo dell’Azienda Sanitaria di Modena, presso il distretto di Mirandola. Laureato in Comunicazione e Marketing, ha conseguito un Master in Management per il coordinamento delle professioni sanitarie. Dal 2008 è docente di informatica presso l’Università di Modena Reggio.

 

Torna su