Il rumore della solidarietà

di Guido Zaccarelli Mirandola 19 maggio 2018 – Silenzio e rumore sono le due facce della stessa medaglia. Da un lato il silenzio – silentium – tacere, non fare rumore, dall’altro il non silenzio, il rumore – rumorem. Vivere il silenzio significa: fare in assenza di rumore. La parola fare indica l’azione.

L’agire occupa tutto lo spettro che si colloca tra il silenzio e il rumore al pari di quando l’uomo attraversa l’arcobaleno partendo dal nero assoluto per congiungersi con i colori del bianco. La solidarietà si riferisce all’agire in solidus, in modo concreto, per il benessere della persona e della propria comunità.

È un impegno etico e sociale che si svolge alla pari a favore di altri. Da non confondere con l’elemosina, che esprime un rapporto di disparità tra gli individui. La solidarietà è un dono che valorizza la relazione, al contrario del regalo che valorizza l’oggetto della relazione: va enunciata facendo rumore, (renderla pubblica) oppure esperita in silenzio, al cospetto di pochi? Esiste un confine dove le persone possono scegliere tra: mostrare il fare al mondo e il fare senza mostrare? tra il mettere in movimento le onde del silenzio perché possano emettere un sibilo affinché raggiunga l’anima dell’uomo oppure è necessario fare tutto in silenzio?: Italo Calvino, nelle Città invisibili narra: Marco Polo descrive un ponte pietra per pietra. “Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?” chiede Kublai Khan. Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra – risponde Marco – ma dalla linea dell’arco che formano. Kublai Khan rimane silenzioso, riflettendo. Poi soggiunge: “Perché mi parli delle pietre? È solo dell’arco che mi importa”. Polo risponde: “Senza pietre non c’è arco”. Diventa difficile stabilire il punto dove puntellare il silenzio oppure vedere la linea del rumore.

La domanda è fortemente condizionata dalla contrapposizione che lega le due parole alla solidarietà, dalla linea di confine che separa il vedere dal non vedere, dal sentire il silenzio al non sentire. Cosa fare allora? Fare con rumore e diffondere al mondo il gesto della solidarietà per evitare di vivere come nella caverna di Platone attorniato da una luce soffusa e mostrarsi solo alle persone che transitano in quel momento nella grotta dopo averla attraversata per lunghissimi tratti. La solidarietà merita la luce della vita, perché la vediamo, la tocchiamo, l’ascoltiamo e la odoriamo in ogni singola frazione del tempo e dimensione della realtà circostante. È energia allo stato puro che sprigiona il desiderio del fare condiviso, dove finalmente poter fare rumore alla luce del sole e vivere a colori il bianco della solidarietà, coscienti di non disturbare il silenzio.

 

I colori del bianco:

La mia missione è regalare un sorriso. Anche Due. O dieci. Cento. Mille. Un firmamento se possibile. Non posso prendere a cazzotti gli angeli. Mi faccio le bolle di sapone. Sono un clown e combatto il bianco. Traghetto colori e ascolto. M’immergo senza tuta da sub in quell’età … quando il purè ha un profumo immenso e le stelle sono conchiglie appese al cielo. Quando i sogni sono le prime seduzioni e ogni centimetro di mondo è un oceano. Quando persino la malattia si permette di esistere eppure il sorriso può scaturire, anche solo per un istante. Questa è la mia missione. La mia grande missione. Verde, giallo, blu, arancione, azzurro… forza che si comincia!

Tratto da: Il rumore degli occhi, La confraternita dell’uva. EC, Edizioni Creative, pag. 35,36.

 

Torna su