Ma che splendidi alleati (4)

G7 Canada giugno 2018

Ipocrisia dominante e scellerati attacchi a una nazione “amica”. Questa è l’europa degli “Antipopulisti” dei leader, stupidi e arroganti, dell’ “Europa che non c’é”, parafrasando la canzone di Edoardo Bannato, “L’isola che non c’è”.

di Lamberto Colla Parma 17 giugno 2018 –

E’ stato sufficiente un commento, appropriato e assolutamente elegante, del portavoce Attal del presidente francese Emmanuel Macron per ricompattare tutta l’Italia, per di più orfana della nazionale di calcio, che è il vero e quasi unico collante dell’unità d’Italia.

Vomitevole” è la parola utilizzata da Attal nei confronti del Governo Italiano in occasione del caso “Aquarius”. Il suo primo pensiero, ha dichiarato nell’intervista televisiva, è verso le donne incinta e i bambini ospiti della nave “respinta” nel mediterraneo.

E’ certamente lo stesso pensiero che hanno avuto i gendarmi francesi, lo scorso febbraio, meno di 120 giorni fa, quando hanno avuto l’occasione di salvare una madre incinta, pronta al parto, e invece venne respinta alla frontiera di Bardonecchia. La donna, colpita anche da una massa tumorale che le impediva di ben respirare,  è infine morta, un mese dopo, all’ospedale di Torino dove era stata portata d’urgenza.

“Abbiamo soccorso la signora che era in evidente stato di difficoltà non solo per la gravidanza ma anche per una voluminosa massa tumorale che non le consentiva di respirare bene. Tutti i giorni i gendarmi francesi respingono donne, bambini e malati senza guardare in faccia a nessuno. Spesso mandano indietro anche persone con tutti i documenti in regola, attaccandosi a dei cavilli.” Parla ai mircofoni di Radio Capital Paolo Narcisi, presidente dell’associazione Rainbow4Africa che aiuta i migranti che vengono bloccati al confine con la Francia mentre tentano di passare.

Pochi giorni dopo il decesso della donna, non paghi della loro fama e “Humanitè“, cinque agenti delle dogane francesi hanno fatto irruzione armati in una sala della stazione di Bardonecchia, al confine tra Italia e Francia, costringendo un migrante nigeriano, sospettato di essere uno spacciatore, a sottoporsi al test delle urine.

Macron e Conte in Canada al G7 – giugno 2018

“Legalitè e humanitè” sono sempre al primo posto tra i pensieri francesi, questo è evidente. Così come, correva l’anno 2011, quando la Francia attaccò, peraltro senza alcuna autorizzazione internazionale,  Gheddafi per impadronirsi del petrolio libico  gettando nel caos la Libia. Le conseguenze di quella scelta scellerata sono ancora visibili.

Infine un “promemoria” anche alla Spagna che ha dimenticato di contare i proiettili sparati contro i tentativi dei migranti di calpestare le loro coste. Era il 3 ottobre 2005 quando il premier socialista spagnolo Zapatero diede ordine di presidiare le coste e sparare ai migranti. Cinque morti e un centinaio di feriti.

In conclusione, giusto per sottolineare l’ipocrisia politica che attraversa tutta l’europa, certa politica italiana compresa, mentre tutti si preoccupavano delle condizioni dei migranti ospitati nella nave Aquarius, non una “carretta dei mari”, assistiti da medici e riforniti di viveri, l’ennesima tragedia del mare, con decine di migranti affogati in prossimità delle coste africane finisce fra le brevi di cronaca così come i circa 1000 sbarcati a Catania (due già morti) e salvati da 7 operazioni della Guardia Costiera.

L’ “Europa che non c’é” Ma che splendidi alleati!

(Foto Presidenza del Consiglio  http://www.governo.it/media/il-presidente-del-consiglio-conte-al-vertice-g7-canada/9525)

(per restare sempre informati sugli editoriali)

(Bennato: https://youtu.be/HypyE4wHGgY )

Torna su